Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Cupramontana, al Concordia sbarca la cultura Hip Hop con “Due strade più avanti”

L'autore Simone "Stritti" Micozzi racconta lo show presentazione del suo libro, in uscita a giugno. L'evento è gratuito

Il teatro Concordia di Cupramontana

CUPRAMONTANA- La storia di un bambino di provincia e di come ha realizzato i propri sogni tra Jam, Show, storia dell’Hip Hop – dorico, italiano e accennando quello oltreoceano nel dettaglio gli anni 80/90 -, per poi arrivare ai giorni nostri molto più velocemente. Il libro “Due Strade più Avanti” è un romanzo di formazione ma anche la fotografia di due decenni musicalmente molto importanti. Il Teatro Concordia di Cupramontana accoglierà domani, 20 maggio, ore 21, la prima assoluta dello Show, lasciando spazio alla presentazione e ad una performance live (ingresso gratuito).

«La narrazione è alternata a performance musicali con il supporto di musicisti e danzatori. Inoltre ci saranno ospiti citati nel libro che condivideranno esperienze comuni e vari aneddoti». A spiegarlo è l’autore Simone “Stritti” Micozzi, che ha collaborato con Luigi Skid Molinari, Gianluca Zart Calcagnile ed Stefano “Word” Serio, che ha firmato la prefazione. Il libro, che uscirà a giugno, è anche interattivo: «In ogni capitolo ci sarà un QCode che ti manderà ad un video con tutto le canzoni citate in un grande mash-up accompagnato da un video con le immagini degli eventi descritti, un viaggio a 360 gradi, oltre naturalmente parecchie foto prese dal mio archivio personale, tantissimi aneddoti che in quel periodo ho vissuto ma non sono stati mai raccontati».

.Il Libro è stato creato con la collaborazione di Luigi Skid Molinari e Gianluca Zart Calcagnile ed ha la prefazione si Stefano “Word” Serio.Il progetto è realizzato con il supporto delle associazioni Hip Hopera Foundation e Groovin Kulture e uscirà per l’Aikido Stuff. Lo show oltre raccontare la mia vita artistica  parallelamente alla storia di tre decadi nell’Hip Hop Italiano e quello d’oltreoceano spiegando le differenze e le difficoltà in confronto alle metodologie moderne ma rievocando anche canzoni, personaggi ed episodi trascinando il pubblico ad un viaggio nel tempo con supporti audiovisivi e chicche originali.