Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Cinderella Vampirella va in pensione con una serata da tutto esaurito

Brivido e divertimento al teatro La Vittoria di Ostra con lo storico spettacolo firmato dalla compagnia Atgtp. «Vogliamo lasciare a questi bambini un po' di magia?» l'invito di Mattioni ai genitori

Cinderella-Vampirella_matrigna
Cinderella Vampirella, la matrigna

OSTRA – Teatro La Vittoria di Ostra gremito ieri pomeriggio, mercoledì 1 novembre, per Cinderella Vampirella, storico spettacolo di burattini e figura firmato dalla compagnia Atgtp che ha annunciato il pensionamento.

Cinderella-Vampirella-e-GrillGrill
Cinderella e il drago Grill Grill

Uno spettacolo che l’Atgtp ha portato in tantissimi palcoscenici del territorio grazie alla maestria e all’esperienza di Francesco Mattioni, accompagnato nei ruoli femminili da Lucia Palozzi. Cinderella Vampirella “va in pensione”, quella di ieri è stata l’ultima replica di uno spettacolo che ha dieci anni «penso anche di più» precisa Mattioni. Lo spettacolo propone una rilettura della nota fiaba di Cenerentola, trasportata nell’inconsueta ambientazione di un Castello in Transilvania. I personaggi (pupazzi e burattini) si muovono all’interno di una scatola magica in continua evoluzione, con scene di incredibile bellezza e canzoni originali. In questa fiaba in musica, narrata con i burattini, anche Dracula ha i suoi problemi familiari: una figlia che non ne vuol sapere di vampiri, una moglie dispotica, un servo gobbo dal cuore troppo tenero ed un drago dall’alito pestilenziale come cognato. Luci, ombre, fuoco, colori e voci hanno letteralmente tenuto incollati ai sedili i giovani spettatori spaventati da un buffo Dracula, divertiti da una coraggiosa Cinderella e da un dolcissimo drago.

Francesco Mattioni sul palco del Teatro La Vittoria di Ostra
Francesco Mattioni sul palco del Teatro La Vittoria di Ostra

Francesco Mattioni e Lucia Palozzi al termine dello spettacolo hanno mostrato alcuni burattini non svelando però tutti i segreti della scena: «Vogliamo lasciare a questi bambini un po’ di magia?» l’invito di Mattioni ai genitori.