Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Čechov, “Senza Trama e Senza Finale”

Giordano guida un gruppo di allievi del Teatro Nuovo Melograno di Senigallia in un percorso di avvicinamento al mondo di Čechov attraverso i suoi racconti. Brevi, ironici, intensi e fuggevoli, essi contegono in potenza tutti i personaggi e le relazioni sviluppati poi nelle commedie.

Senza Trama e Senza Finale

SENIGALLIA – Domenica 26 marzo, alle ore 18,30 il Teatro Nuovo Melograno rende omaggio al grande scrittore e drammaturgo russo Anton Čechov con lo spettacolo “Senza Trama e Senza Finale”, per la regia di Carmen Giordano. In scena Roberto Carletti, Carmen Bilancia, Daniel Galati, Simone Paolasini, Angelica Badioli, Patrizia Perticaroli, Francesco Barbalinardo, Nicola Arpino e Irene Vella.

Giordano guida un gruppo di allievi del Teatro Nuovo Melograno in un percorso di avvicinamento al mondo di Čechov attraverso i suoi racconti. Brevi, ironici, intensi e fuggevoli, essi contegono in potenza tutti i personaggi e le relazioni sviluppati poi nelle commedie. Un’occasione preziosa di indagare il linguaggio del maestro con rigore e libertà che fa nascere una drammaturgia basata sul ritrarre la vita com’è.

Anton Pavlovič Čechov nacque a Taganrog nel 1860 da una famiglia modesta ed economicamente disagiata (il nonno era servo della gleba). Finito il liceo si trasferì a Mosca e si laureò in medicina. Esercitò la professione, tuttavia, solo saltuariamente e in situazioni di emergenza (come durante la carestia del 1892-1893), preferendo dedicarsi interamente alla letteratura e al teatro. Ai giovanili Racconti di Melpomene (1884), seguono le raccolte Racconti variopinti (1886) e Nel crespuscolo (1887).

Al fine di evitare la sovrapposizione con l’evento “Un Cuore di Velluto”, che domenica 26 marzo vedrà la Nazionale Italiana Cantanti scendere in campo allo stadio Bianchelli contro I Campioni della Ricerca, il Teatro Nuovo Melograno ha deciso di posticipare di un’ora l’inizio. Dunque, lo spettacolo, andrà in scena sempre domenica, ma alle ore 18,30 allo spazio teatrale di via Botticelli anzichè alle 17.30, come inizialmente previsto.