Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Castelfidardo, presentato il Pif tra conferme e tante sorprese

Il 45esimo Premio internazionale della fisarmonica quest’anno dal 16 al 20 settembre, sarà un’edizione diversa ma non meno speciale, fedele ad una prestigiosa tradizione e alle sfide dell’innovazione, in linea con lo slogan coniato in tempi non sospetti

Il Premio
Il Premio

CASTELFIDARDO – Il 45esimo Premio internazionale della fisarmonica quest’anno dal 16 al 20 settembre a Castelfidardo dipingerà tutti i colori del mondo. Sarà un’edizione diversa ma non meno speciale, fedele ad una prestigiosa tradizione e alle sfide dell’innovazione, in linea con lo slogan coniato in tempi non sospetti.

«Un tema che non potrebbe essere più azzeccato: la musica e le note della fisarmonica hanno alleggerito una fase di grave difficoltà e più che mai vogliamo condividerle in un’ampia dimensione – ha detto il sindaco Roberto Ascani nella conferenza stampa online di presentazione al mondo del Pif -. Con la squadra composta dal maestro Renzo Ruggieri, assessorato alla Cultura, Pro loco e Owl solutions che ringrazio per l’impegno profuso nel cercare vie alternative, abbiamo trovato un equilibrio sulle novità da apportare al programma attorno a due parole: diretta e social. Tutte le nostre esperienze saranno trasmesse in streaming attraverso piattaforme che consentiranno una fruizione più estesa possibile: una scommessa in cui crediamo molto, nel rispetto degli accorgimenti che daranno modo di vivere in sicurezza anche gli eventi in presenza». Un ringraziamento è stato poi espresso a favore di partner come Regione Marche, Fondazione Carilo, Camera di Commercio e alle aziende di settore che stanno fornendo prezioso sostegno e suggerimenti.

Quanto ai contenuti artistici, il direttore Renzo Ruggieri ha illustrato le news di un regolamento riscritto praticamente da capo. «Il concorso verterà su tutti i generi del Pif, focalizzandosi sulle sei categorie principali: Premio per concertisti e classica, Virtuoso, World music, Jazz, Tango e “Gervasio Marcosignori”, che saranno valutate con i punteggi standard in ventesimi formulati dalla giuria internazionale collegata da remoto. Ai giovani, che sono una fascia fondamentale per la sfera fisarmonicistica, dedicheremo invece una categoria apposita, votata dal pubblico affinché non sia una gara con rigide graduatorie ma una festa in cui si gratificano i più meritevoli con premi speciali».

Al fine di rispettare il distanziamento, le presenze a Castelfidardo saranno filtrate: il primo step consiste infatti nel termine delle iscrizioni e nell’invio entro il 20 agosto di un video con la propria performance che verrà ascoltata dalla giuria selezionando i dieci ammessi alla prova finale, i quali potranno poi scegliere se presentarsi sul palco del teatro Astra allestito come un vero e proprio set televisivo di elevata qualità tecnica oppure suonare in diretta streaming. Il Pif dunque non rinuncia a nulla ma anzi amplia la propria platea avvalendosi dell’effetto moltiplicatore dei canali social e per la prima volta della diretta tv grazie alla professionalità di EtvMarche. In piazza della Repubblica sarà sistemato un maxischermo con il live di ogni esibizione e non mancheranno eventi collaterali, da tre seminari su materia classica, jazz e world music a concerti con pubblico ammesso su prenotazione. «Un percorso costellato di iniziative e strategie di comunicazione diffondendo il Pif anche attraverso una piattaforma terrestre», ha aggiunto l’assessore alla Cultura Ruben Cittadini, annunciando di avere messo in agenda anche la riapertura del Museo della Fisarmonica (29 agosto), il Pif around in bicicletta da Castelfidardo alla città sassone gemellata di Klinghental, la registrazione del documentario di Sky arte con la voce narrante di Raphael Gualazzi e la procedura Unesco. «Il mondo artistico seppur colpito dall’emergenza non si è mai fermato ed è un bene che il Pif a sua volta non si fermi ed anzi si rilanci ed esplori nuove strade con un notevole sforzo di organizzazione», è stata la testimonianza di Massimo Pigini, presidente di Music Marche.