Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Tra eros e noir, ad Ascoli in scena “La camera azzurra” di Simenon

Al teatro Ventidio Basso l'adattamento del romanzo pubblicato nel 1963 del grande autore belga, maestro del giallo. La regia dello spettacolo è di Serene Sinigaglia

La camera azzurra

ASCOLI – Dopo il successo dello scorso weekend con il primo spettacolo di riapertura al teatro Ventidio Basso di Ascoli, tornano sabato 22 maggio nuovi eventi di prosa e di grande qualità per il pubblico locale e non solo. Questa volta al Massimo cittadino andrà in scena l’adattamento teatrale curato da Letizia Russo de «La Camera azzurra», testo del grande scrittore belga di lingua francese Georges Simenon.

Una storia permeata di eros e noir che per la prima volta approda a teatro e che ad Ascoli sarà interpretata da Fabio Troiano, Irene Ferri, Giulia Maulucci e Mattia Fabris, con la regia di Serena Sinigaglia.

La camera azzurra (La chambre bleue) è un romanzo pubblicato nel 1963 che attraversa una vicenda archetipica ove si mescolano sensualità, paura, pettegolezzo, omertà, tradimento e moralismo nello scenario di una provincia francese retriva e giudicante.

La storia, che coinvolge quattro volti sulla scena, è quella di due amanti, Tony e Andrée, ex compagni di scuola oggi quarantenni ed entrambi sposati, che si incontrano nella camera azzurra per dare sfogo alla propria passione irrefrenabile. Sono loro a ritrovarsi tempo dopo separati in un’aula di tribunale accusati di aver commesso crimini efferati, l’eliminazione di entrambi i coniugi con modalità diaboliche. L’interrogatorio cui vengono sottoposti per svelare la verità e rispondere alla sete di giustizia forcaiola della comunità diventa l’occasione per svelare non solo i meccanismi noiristici, ma per condurre un’indagine sull’umano, straordinaria quanto necessaria.

Insomma un classico della produzione letteraria di Simenon, autore di fama internazionale e noto al grande pubblico per l’invenzione del personaggio del Commissario Maigret. È stato tra gli scrittori più prolifici del Novecento, con centinaia di racconti pubblicati e vendite che hanno raggiunto 700 milioni di copie. E questo grazie alla sua inesauribile e sagace penna, che ha esplorato il mondo del romanzo noir, poliziesco ma anche psicologico ed i generi più popolari, di appendice.

Per questo sarà un’occasione unica quella di vedere al Ventidio Basso la rappresentazione – dal vivo e non a distanza, su uno schermo – di uno dei suoi celeberrimi racconti come “La camera azzurra”. Per tutti l’appuntamento a teatro è sabato sera alle 19,30, con replica domenica alle 17. Lo spettacolo è una produzione Nidodiragno/Coop CMC, nell’ambito del programma Amat e Comune di Ascoli.