Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Andrea Bocelli sceglie Loreto per la sua Ave Maria

Il grande tenore ha scelto la città mariana per ambientare il video del brano, composto e musicato da lui stesso, contenuto nel nuovo album "Believe". Ecco il filmato

Un frame del video di Bocelli
Un frame del video di Bocelli

LORETO – I primi dello scorso ottobre aveva fatto tappa a Loreto per girare il suo video nella basilica della Santa Casa. Adesso il video può essere ammirato da tutti. Il grande tenore Andrea Bocelli ha scelto la città mariana per ambientare la sua “Ave Maria”, un brano composto e musicato da lui stesso, contenuto nel nuovo album “Believe” incentrato su fede e spiritualità.

Proprio ieri (7 dicembre), sul canale Vevo di Bocelli, è stato lanciato il video realizzato grazie alla collaborazione del Comune di Loreto e della Regione Marche, in cui è accompagnato dal violino della musicista ucraina Anastasiya Petryshak.

Le immagini mostrano il tenore insieme a sua figlia, la piccola Virginia, all’interno della basilica che custodisce la Santa Casa di Nazareth dove viveva Maria e che, narra la leggenda, nella notte tra il 9 e il 10 dicembre 1294 è stata trasportata dagli angeli sulla collina di Loreto. Da quel momento la città fu conosciuta il tutto il mondo ed è diventata meta di pellegrini illustri, grandi santi, fedeli e visitatori da ogni parte del globo.

Un anno particolare oltretutto per Loreto che per il 2020 e fino al 10 dicembre 2021 è protagonista del Giubileo lauretano indetto (e prorogato di un anno da oggi per il Covid) da papa Francesco in occasione del centenario della proclamazione della Vergine lauretana patrona degli aviatori, avvenuto nel 1920 con il “Breve Pontificio” di papa Benedetto XV.

Il culto della Beata Vergine di Loreto non si ferma in città ma, attraverso l’antica via Lauretana, tocca una molteplicità di percorsi e luoghi che coinvolgono la valle del Chienti e del Potenza formando la rete dei Cammini lauretani, ricca di carica simbolica, storico-culturale ed artistica e preziosa testimonianza del passato. Non stupisce e anzi, inorgoglisce il fatto che Bocelli abbia scelto proprio le Marche e Loreto.