Cinesipario: Luisa De Filippo, figlia di Luca, ospite d’eccezione al Teatrino Campana

Martedì 20 febbraio proseguirà la rassegna cinematografica promossa dall’Istituto Campana, con la proiezione di "Napoli Milionaria!", commedia che ha segnato l'avvio di una collaborazione virtuale tra Eduardo De Filippo e Francesco Rosi

ANCONA – Dopo i film capolavoro Le mani sulla città e Salvatore Giuliano, martedì 20 febbraio alle ore 21.15 al Teatrino Campana di Osimo, prosegue la rassegna cinematografica Cinesipario, promossa dall’Istituto Campana per l’Istruzione Permanente. L’appuntamento prevede la proiezione di Napoli Milionaria!, commedia che ha segnato l’avvio di una collaborazione virtuale tra due profondi conoscitori dell’animo umano: Eduardo De Filippo e Francesco Rosi.

Nel 2003 Rosi mise in scena per la Compagnia di teatro di Luca De Filippo la commedia di Eduardo, raccontando la guerra e le rovine morali e materiali della città alla fine del conflitto mondiale. Per l’occasione, oltre a Maria Procino (responsabile degli archivi privati di Eduardo De Filippo, di Luca De Filippo, di Francesco Rosi), che ha curato la rassegna e introdurrà la proiezione, sarà eccezionalmente presente Luisa De Filippo, terzogenita di Luca.

Il regista Francesco Rosi

A tre anni dalla scomparsa di Francesco Rosi, l’Istituto Campana per l’Istruzione Permanente di Osimo propone una piccola ma significativa retrospettiva dell’opera cinematografica e teatrale del regista, con un particolare sguardo alla sua capacità di indagatore e narratore delle vicende contemporanee. I film e le commedie scelte sono un invito alla conoscenza dello straordinario patrimonio teatrale e cinematografico italiano e alla riflessione sull’arte di Francesco Rosi che, da cineasti come Scorsese, Tornatore, Stone, viene considerato un maestro della cinematografia nel mondo.

Regista di fama internazionale, Rosi nasce a Napoli il 15 novembre 1922. La sua formazione la deve a nomi come Luchino Visconti ed Ettore Giannini, ma anche a Carlo Ludovico Ragghianti, Nello Traquandi. Nel 1981 riceve la nomination all’Oscar con il film Tre fratelli. Dopo essere stato premiato con ben otto David di Donatello, Nastri d’argento e la Palma d’oro a Cannes, nel 2008 a Berlino gli viene assegnato l’Orso d’oro alla carriera e nel 2012 a Venezia il Leone d’oro alla carriera. Francesco Rosi muore a Roma il 10 gennaio 2015.

Il prossimo e ultimo appuntamento di Cinesipario sarà martedì 27 febbraio con la proiezione di “Filumena Marturano”, commedia che ha visto l’interpretazione di grandi attrici, da Titina De Filippo a Sophia Loren, da Valeria Moriconi a Mariangela Melato, ed è l’opera di Eduardo più rappresentata nel mondo. Allegoria di un paese lacerato ed offeso, è, come rilevò lo stesso Rosi, il grido di ribellione di Eduardo.