Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

A “Castello” c’è “Madre lengua”

Torna a Castelfidardo la rassegna dialettale. Si parte mercoledì primo marzo con la compagnia “Il focolare” di Villa Musone di Loreto con lo spettacolo “Anna De Picciafogo”

CASTELFIDARDO – Conoscere le proprie radici e continuare ad onorarle anche con il linguaggio fa parte del “dovere” di ogni buon cittadino. Castelfidardo sa bene che il dialetto fa parte della nostra storia e che per non perderla occorre continuare a “coltivarlo”. Parte con questo spirito la VI edizione di “Madre lengua”, la rassegna di teatro dialettale amatoriale organizzata dalla compagnia “I gira…soli” in collaborazione con l’assessorato alla Cultura. Il calendario è distribuito nel mese di marzo nei giorni di mercoledì 1-8-15-22 più il gran finale di venerdì 31. Ogni rappresentazione si svolge alle 21 al cine-teatro Astra “Gasparri”.

Le commedie in programma:

1 marzo – “Il focolare” di Villa Musone di Loreto in “Anna De Picciafogo” (di Paolo Torrisi);
8 marzo – “Teatro della solidarietà” di Porto Sant’Elpidio in “Na famija de troppo” (di Wladimiro Bonifazi);
15 marzo – “El Passì” di Jesi in “Ma lia a lu…que j’era?” (di Maurizio Gironi);
22 marzo – “La nuova Belmonte” di Belmonte Piceno in “Chi è più lesti…se la guadagna” (di Gabriele Mancini);
31 marzo – “I gira…soli” in “Qui ce penso io” di Stefano Pesaresi e Roberto Perini.

Le prevendite sono aperte alla Pluriservizi fidardense di piazza della Repubblica. Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.30, giovedì anche pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30. Prezzo: cinque euro a spettacolo con possibilità di abbonarsi a tutti gli appuntamenti al prezzo scontato di 20 euro.