Cronaca

Violenze e minacce per estorcere denaro: nei guai 3 persone di cui uno di loro “beccato” nel Fermano. Gli altri in Emilia Romagna

I tre presunti estorsori, in concorso tra loro, avrebbero iniziato a mettere in atto le loro condotte illecite nel 2023, ai danni di una delle due vittime. Chiesti 2mila euro

Minacce di morte e violenza da parte di loro tre connazionali, arresti tra Emilia Romagna e Marche. Le due vittime in diversi momenti temporali, avrebbero subito plurime richieste estorsive di denaro. Una delle due vittime, per non aver ottemperato alle richieste estorsive, sarebbe stato anche aggredito fisicamente subendo lesioni giudicate poi guaribili dai sanitari in 5 giorni. Gli indagati sono tre, un uomo di 37 anni e due giovani 24enni residenti tra la bassa reggiana e mantovana, che si sarebbe macchiati di una serie di condotte illecite per le quali, al termine delle meticolose indagini, i carabinieri del Nucleo investigativo di Reggio Emilia congiuntamente ai colleghi del nucleo operativo della compagnia di Guastalla. A loro le vittime si sono rivolte e li hanno denunciati alla locale Procura della Repubblica diretta dal procuratore Calogero Gaetano Paci, per il reato di tentata estorsione. Uno dei due 24enni è stato arrestato nel territorio Fermano (un indiano 24enne già noto alle forze dell’ordine, regolare sul territorio nazionale, domiciliato a Porto Sant’Elpidio) ed è stato poi associato al carcere di Fermo.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia, condividendo con le risultanze investigative dei Carabinieri del nucleo investigativo del capoluogo reggiano e dei colleghi del nucleo operativo della compagnia di Guastalla, ha richiesto e ottenuto dal gip del Tribunale di Reggio Emilia, l’applicazione nei confronti di due uomini rispettivamente di 37 e 24 anni della custodia cautelare in carcere, mentre per il terzo indagato di 24 anni la misura cautelare personale dell’obbligo di dimora nel comune di Viadana, in provincia di Mantova.

Nella mattinata odierna, 10 luglio, le misure sono stata eseguita dai carabinieri del Nucleo investigativo unitamente ai militari della Compagnia carabinieri di Guastalla, che hanno arrestato i due uomini e notificato al terzo indagato la misura dell’obbligo di dimora. Dalle risultanze investigative è emerso come i tre presunti estorsori, in concorso tra loro, avrebbero iniziato a mettere in atto le loro condotte illecite nel mese di luglio 2023, ai danni di una delle due vittime, che veniva più volte contattato da loro, sia di persona che via telefono sulla propria utenza pretendendo la consegna di una somma di denaro pari a 2000 euro senza averne nessun titolo, avvertendolo che se non avesse acconsentito alla loro richiesta, lo avrebbero picchiato.

Cosa questa che avveniva nel settembre 2023: la vittima, infatti, terminato il turno di lavoro, a bordo della propria bicicletta, veniva avvicinata dalle tre persone che iniziavano ad inveire contro di lui, recriminandogli di non aver dato loro i soldi richiesti, colpendolo ripetutamente con dei bastoni di ferro dietro la testa e sulla gamba finché non interveniva in soccorso un collega di lavoro della vittima e i tre si davano alla fuga. Allertate le Forze dell’Ordine, nonché il 118 e la vittima veniva condotta presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di Suzzara e dimesso con una prognosi di 5 giorni.

Per quanto riguarda la seconda vittima, tutto aveva inizio il 2 ottobre scorso, quando andava a fuoco la propria autovettura rimanendo danneggiata. Successivamente il 16 ottobre scorso rinveniva davanti la porta di ingresso del proprio esercizio commerciale, una bottiglia incendiaria inesplosa. A seguito dei due gravi episodi, quindi, la vittima, si recava presso i carabinieri per raccontare i fatti, rappresentando che fra l’altro, aveva iniziato a ricevere tramite la messagistica WhatsApp insistenti richieste di denaro, con ultimatum corredati da minacce di morte, sempre tramite utenze mobili inglesi, associate di volta in volta a numeri diversi onde celarne l’identità. Nei messaggi lo si avvertiva che se non avesse consegnato loro la somma richiesta lo avrebbero fatto saltare in aria, avrebbero bruciato il suo negozio, e avrebbero cagionato gravi pregiudizi alla sua famiglia. Minacce che si concretizzavano, tramite telefonate o messaggi, con espressioni del seguente tenore “se fai ok, se non fai dillo, che altrimenti ti facciamo scoppiare oggi”, “se oggi non fai il lavoro ti rovino la vita”, “se non consegni i soldi vedrai cosa succederà con te e la tua famiglia. Noi prendiamo tuo figlio e poi ci darai 50.000”.

A seguito di una complessa attività investigativa svolta dai militari del nucleo investigativo di Reggio Emilia venivano raccolti elementi di presunta responsabilità a carico dei tre uomini con la Procura reggiana che condividendo con le risultanze investigative richiedeva ed otteneva le tre misure. Ieri mattina, 9 luglio, i carabinieri ricevuta l’ordinanza applicativa delle due misure cautelare, e dell’obbligo di dimora vi davano esecuzione arrestando i due uomini di 36 e 24 anni, ristretti al termine delle formalità di rito in carcere, a disposizione della Procura reggiana. Gli accertamenti relativi al procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguiranno per i consueti approfondimenti investigativi al fine delle valutazioni e determinazioni inerenti all’esercizio dell’azione penale.

Ti potrebbero interessare