Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Vasto incendio tra Castelfidardo, Loreto e Numana: evacuate case e un camping. Il sindaco Pieroni: «Massima prudenza»

La circolazione su strada è stata riaperta ma la situazione è ancora difficile. I vigili del fuoco sono al lavoro da mezzogiorno

L'incendio
L'incendio

CASTELFIDARDO – Da mezzogiorno di oggi (primo agosto) arde ancora l’incendio di sterpaglie che ha interessato i comuni di Castelfidardo, Loreto e Porto Recanati. Il fuoco sembrerebbe essere partito in prossimità di via Barca a Loreto sulla sponda destra del fiume Musone, nella zona dove spesso ignoti abbandonano rifiuti e potature. Casi simili si sono già verificati in passato, seppur di proporzioni minori. Quel punto da cui tutto è cominciato si trova vicino alla ditta Effetto luce e al depuratore fidardense.

I soccorsi

In mattinata un anziano residente a Castelfidardo è stato portato al pronto soccorso per un attacco di panico, un altro per sospetta inalazione da fumo ma le loro condizioni non sono preoccupanti. Nella campagna fidardense sono entrati in azione anche i trattori degli agricoltori residenti per creare dei fossi.

I sindaci di Castelfidardo e Loreto

Il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani, ha fatto sapere: «Vista la situazione critica che interessa attualmente i comuni di Castelfidardo, Porto Recanati e soprattutto Numana, a causa di un incendio alimentato dal forte vento, ho annullato la celebrazione in programma per le 18 al Monumento nazionale cittadino. Siamo sul posto con il gruppo di Protezione civile antincendio boschivo e stiamo attivando tutte le strutture necessarie per accogliere le persone da evacuare». Il sindaco di Loreto Moreno Pieroni ha aggiunto: «Abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo un pomeriggio di apprensione per il grave incendio che si è sviluppato nei territori al confine tra Loreto e Castelfidardo. Mi preme dire che fin dai primissimi momenti abbiamo seguito gli sviluppi della situazione coordinandoci con le Forze dell’ordine, i Vigili del fuoco e la Protezione civile, e con loro la Croce Rossa e il personale del Comune, che stanno lavorando in modo encomiabile per domare le fiamme e garantire la sicurezza in tutta la zona. A breve faremo il punto con il Coc per valutare i prossimi passi. Raccomandiamo la massima prudenza e di non avvicinarsi alle aree interessate».

Le evacuazioni

Quattro le famiglie evacuate a Castelfidardo, residenti in quella zona, due a Loreto, ma la situazione è peggiorata nel tardo pomeriggio a Numana. Evacuata per precauzione anche parte del camping Numana blu. Sul posto si è portato il prefetto Darco Pellos che ha effettuato un sopralluogo con il sindaco Gianluigi Tombolini, una breve visita per capire la gravità della situazione e comprendere il da farsi prima di contattare il governatore Francesco Acquaroli.

Il Canadair

Attorno alle 16 è arrivato il Canadair che ha dato una sferzata alle operazioni di spegnimento, difficilissime appunto per il forte che continuava a tirare e che nel contempo ha causato disagi sollevando ombrelloni e lettini in alcuni stabilimenti balneari della Riviera del Conero e poco più a sud. La Capitaneria è stata contattata per liberare lo spazio di mare davanti al fronte di fiamma. L’idroambulanza della Croce rossa di Ancona è rimasta in stand by al largo del campeggio per supportare le operazioni di soccorso. I pompieri sono tuttora (ore 20) al lavoro per domare i tanti focolai.

La circolazione su strada

La circolazione su strada è ripresa ma non ancora sul tratto ferroviario. Sono state avvisate attorno alle 15 la Società Autostrade e le Ferrovie perché l’incendio aveva scavalcato le due linee e stava procedendo in direzione sud est verso il mare. E’ stato subito chiuso il tratto tra Ancona sud e Loreto-Porto Recanati in direzione sud per il fumo in carreggiata, la linea ferroviaria con enormi disagi e poi il tratto di statale 16 interessato con lunghe code formate di almeno quattro chilometri (riaperto verso le 18). Per chi viaggiava in direzione Pescara è stata istituita l’uscita obbligatoria allo svincolo di Castelfidardo mentre per chi si dirigeva in direzione Cattolica quella allo svincolo di Loreto. Presente la Polizia stradale e quella autostradale del Tronco di Pescara. Al momento (ore 20) si sta procedendo allo spegnimento lungo la ferrovia con elicottero Aib regionale e con squadre dei vigili a terra.