Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Urbino, sparava agli animali perché rovinavano i campi. 44enne denunciato per bracconaggio

La polizia ha deferito l'uomo per porto abusivo di armi e uso di dispositivi ottici notturni, oltre ad aver infranto il divieto di caccia vigente in questo periodo

Il fucile sequestrato

URBINO – Sparava ad animali di notte con un fucile munito di dispositivo ottico e illuminazione. Denunciato 44enne. Si è difeso dicendo che gli animali rovinavano le culture del campo.

Nello scorso mese di aprile, in piena emergenza sanitaria, sono arrivate al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Urbino alcune segnalazioni relative ad una presunta attività di bracconaggio con l’esplosione di colpi di arma da fuoco in una zona di periferia del comune di Urbino, non lontana da abitazioni private.

A seguito di queste segnalazioni è stata avviata una attività info-investigativa con servizi di osservazione specifici su tutta la porzione di territorio di Urbino compresa tra le località di  Mazzaferro, Biancalana, Tufo, San Cipriano, principalmente nelle fasce orarie serali e notturne.

Il giorno 30 maggio, verso le ore 21, personale della Polizia di Stato è intervenuto immediatamente a seguito dell’esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco in quelle zone.

L’intervento immediato ha permesso di fermare un quarantaquattrenne del luogo, il quale si trovava in possesso di un fucile da caccia tipo carabina, allestito con dispositivo ottico di precisione e di illuminazione notturna dei bersagli.

Agli operatori l’uomo ha riferito di aver sparato volontariamente in direzione di animali vaganti che, a suo dire, avrebbero calpestato e rovinato le colture del terreno di sua proprietà.

L’uomo pertanto è stato deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Urbino per porto abusivo di armi da fuoco, uso di dispositivi per illuminare i bersagli in ore notturne e dispositivi ottici e esercizio della caccia in periodo di  divieto generale.

Contestualmente il fucile, un JW 15 A allestito con dispositivo ottico e torcia e 39 cartucce è stato sequestrato.   

Sono in corso ulteriori provvedimenti amministrativi nei confronti dell’uomo, non in possesso di licenza di licenza di caccia ma di licenza per il tiro a volo, nonché possessore di altre armi da fuoco, finalizzati al ritiro della licenza e delle armi in possesso.