Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

San Severino, litiga con il marito e tenta di gettarsi nel fiume: salvata dai carabinieri

Protagonista dell'episodio, una 35enne originaria della Repubblica Dominicana. La donna, in evidente stato di ubriachezza, è fuggita dalla sua abitazione dopo un litigio con il marito

SAN SEVERINO – L’episodio è avvenuto questa notte, intorno alle 3, a San Severino Marche. La donna, una 35enne italiana originaria della Repubblica Dominicana e residente nel comune settempedano, in evidente stato di ubriachezza, ha iniziato a litigare all’interno della propria abitazione con il marito per poi fuggire facendo perdere le proprie tracce.

L’uomo ha subito lanciato l’allarme e sul posto sono arrivati i carabinieri del Radiomobile di Tolentino, e i militari delle stazioni di San Severino e Loro Piceno. Gli uomini in divisa hanno subito individuato la donna che era sospesa sul parapetto dell’argine del fiume Potenza – in via Gorgonero – e minacciava di buttarsi di sotto da un’altezza di circa quattro metri.

I militari hanno cercato di dissuadere la donna ma, inizialmente, senza successo. Dopo una lunga trattativa la 35enne italiana stava per gettarsi dal ponte ma i carabinieri sono riusciti a intervenire; mentre infatti i militari della stazione di Loro Piceno la distraevano, i colleghi del Radiomobile sono riusciti ad afferrarla e riportarla sul ciglio della strada evitando la tragica conseguenza.

La donna, una volta bloccata e in evidente stato di ubriachezza, ha iniziato a dare calci e pugni ai militari provocando loro delle lievi lesioni. Per questo motivo la 35enne è stata arrestata per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale; ai domiciliari ha atteso questa mattina il rito direttissimo che si è svolto presso il Tribunale di Macerata. La donna è tornata libera.