Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Porto Recanati, nascondeva la cocaina dietro il cruscotto dell’auto: arrestato corriere della droga

La droga avrebbe fruttato sul mercato oltre 20mila euro. Il giovane guidava anche con una patente albanese che in Italia non ha validità. Segnalata un'altra persona come assuntrice di droga

La droga e le banconote sequestrate dalla Guardia di Finanza

PORTO RECANATI – Trovato con oltre 100 grammi di cocaina: in manette un operaio 24enne. Durante le operazioni da “corriere” della droga il giovane nascondeva lo stupefacente in un ingegnoso nascondiglio ricavato dietro il pannello del cruscotto.

Il giovane, operaio, è stato fermato ieri sera, intorno alle 11, in corso Matteotti a Porto Recanati, dagli uomini della locale Tenenza della Guardia di Finanza, guidati dal luogotenente Diego Crovace. Il 24enne di origine albanese, operaio, già noto alle forze dell’ordine, si trovava a bordo della propria vettura quando i finanzieri hanno proceduto alla perquisizione e hanno trovato all’interno del portaoggetti vicino alla leva del freno a mano sei dosi di cocaina e 400 euro in contanti. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di sorprendere una seconda persona che si trovava in casa del 24enne con un’altra dose di cocaina.

Ma non finisce qui perché Edir, l’unità cinofila antidroga di Civitanova, durante le operazioni di perquisizione, continuava a segnalare il cruscotto dell’autovettura del giovane. Le Fiamme Gialle a quel punto hanno individuato un ingegnoso nascondiglio ricavato dietro al pannello del cruscotto dell’auto e lì hanno trovato altri 100 grammi di cocaina purissima, che avrebbero fruttato sul mercato oltre 20mila euro, e 1720 euro in contanti. Il giovane infatti nascondeva la droga nell’ingegnoso nascondiglio ogni volta che si spostava da una zona di spaccio all’altra. Il 24enne inoltre, che era al volante di un’auto non intestata a lui, era anche in possesso della patente albanese che non ha validità in Italia.

Il 24enne è stato quindi arrestato e trasferito presso il carcere di Montacuto ad Ancona, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La persona che era in casa sua è stata segnalata come assuntrice di sostanze stupefacenti.