Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Coronavirus, controlli a tappeto all’Hotel House: denunciate 31 persone

I controlli, disposti in questi giorni dal prefetto di Macerata Iolanda Rolli, sono stati coordinati dal questore Antonio Pignataro e hanno visto in campo una task force di poliziotti, carabinieri e finanzieri

polizia

PORTO RECANATI – 31 denunciati all’Hotel House di Porto Recanati per inosservanza dei provvedimenti di contenimento del rischio di contagio relativo al Coronavirus e per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Controllate 28 auto, 180 persone e tutti gli esercizi commerciali: le forze dell’ordine hanno passato al setaccio il palazzone multietnico.

I controlli, disposti in questi giorni dal prefetto di Macerata Iolanda Rolli, sono stati coordinati dal questore Antonio Pignataro e hanno visto in campo gli uomini della polizia, dei carabinieri e della Guardia di Finanza.

Nel condominio della città costiera, dove risiedono circa 2 mila persone, le forze dell’ordine avevano notato un andirivieni anomalo nei giorni precedenti così sono stati disposti dei controlli a tappeto. 31 le persone denunciate per inosservanza dei provvedimenti e per detenzione ai fini di spaccio.
La task force rientra in un più complesso dispositivo messo in campo in sinergia con il Comando provinciale, guidato dal colonnello Michele Roberti e con la Guardia di Finanza, con a capo il colonnello Michele Gravina.

Il questore di Macerata Antonio Pignataro

Il questore Pignataro ha sottolineato anche quanto il rischio di contagio, per gli operatori di polizia, sia elevato nonostante siano in campo con tutti i dispositivi di protezione individuale. Durante i controlli gli uomini in divisa cercano anche di far comprendere agli assuntori i rischi che corrono in questo particolare momento di emergenza in merito ai contagi.

Il questore ha concluso ringraziando il sindaco di Porto Recanati, Roberto Mozzicafreddo, che ha messo in sicurezza alcuni casolari abbandonati nei dintorni dell’Hotel House per impedirne l’utilizzo, ricordando che i controlli verranno ripetuti in modo continuo anche nei prossimi giorni e chi verrà sorpreso nella zona senza un giustificato motivo verrà sanzionato ai sensi della vigente normativa attuata dal Governo per il contenimento del Covid-19.