Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Porto Potenza Picena, ruba in un supermercato e fugge in treno. Blitz dei carabinieri in stazione

Il colpo è stato messo a segno ieri a Potenza Picena. Il ladro, un tunisino senza fissa dimora di 42 anni, è stato raggiunto e bloccato a Porto Recanati

MACERATA – Ruba in un supermercato e in un’auto e poi fugge in treno. Blitz in stazione dei carabinieri, arrestato un tunisino di 42 anni. A carico dell’uomo, senza fissa dimora e con precedenti sia penali sia di polizia per reati inerenti le armi e contro il patrimonio, ci sono due provvedimenti di espulsione rimasti lettera morta. Adesso è in carcere.

Tutto è accaduto nella tarda mattinata di mercoledì 25 novembre quando il titolare del supermercato Sì con te, a Porto Potenza Picena in via Nelson Mandela, ha visto un extracomunitario rubare dei prodotti e poi allontanarsi. Il titolare ha subito chiamato il 112 e ai militari ha riferito quello che era accaduto mentre continuava a seguire in strada il ladro. Lo ha seguito fino alla stazione ferroviaria dove lo ha visto salire su un treno diretto verso nord.

Scattata la segnalazione, due pattuglie sono intervenute nella stazione successiva di Porto Recanati e lì hanno trovato il ladro mentre, seduto su una panchina nello stallo divisorio dei binari, consumava del cibo. I carabinieri non ci hanno messo molto a individuarlo perché la descrizione fornita dal titolare del supermercato era assolutamente precisa: un extracomunitario magro, con dei jeans e capelli lunghi ondulati con delle meches sul ciuffo.

Fermato, il giovane è stato perquisito, nella busta della spesa che aveva con sé c’erano pizza, pesce, coca cola e poi accessori per la cura della persona, shampoo, balsamo e bagnoschiuma e un magnete utilizzato per rimuovere i dispositivi antitaccheggio. Nel frattempo in stazione è arrivato anche il titolare del supermercato che ha subito confermato che era l’extracomunitario l’autore del furto.
In un taschino il 42enne aveva poco più di 30 euro e proprio 30 euro era la somma che una donna aveva nella borsa che le era stata rubata dall’auto lasciata temporaneamente aperta poco distante dal supermercato di Potenza Picena.

Portato in caserma e identificato, il tunisino è risultato essere destinatario di due provvedimenti di espulsione ai quali non aveva ottemperato oltre a numerosi precedenti.

L’avvocato Alessandro Brandoni

Dopo una notte trascorsa nelle camere di sicurezza della Stazione carabinieri di Porto Recanati, questa mattina è stato portato in Tribunale a Macerata per essere giudicato per direttissima. Il 42enne, difeso dall’avvocato Alessandro Brandoni, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il giudice Francesca Preziosi ha convalidato l’arresto e ha disposto la detenzione in carcere così come richiesto dal pubblico ministero Francesca D’Arienzo che ha contestato al tunisino la recidiva reiterata specifica infraquinquennale. Il legale ha chiesto i termini a difesa e l’udienza è stata rinviata al prossimo 18 dicembre.