Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Piantagione di cannabis in casa: denunciato un 43enne di Sant’Elpidio a Mare

A entrare in azione i carabinieri della Compagnia di Fermo e delle rispettive stazioni. Durante le perquisizioni trovate anche due katane e un tirapugni di acciaio

Il sequestro effettuato dai carabinieri di Sant'Elpidio a Mare

SANT’ELPIDIO A MARE- Tre gli interventi messi a segno dai carabinieri della Compagnia di Fermo, guidati dal tenente colonnello Nicola Gismondi, e delle locali stazioni negli ultimi giorni; i controlli dei militari proseguiranno anche nei prossimi giorni.

I carabinieri della stazione di Sant’Elpidio a Mare hanno dato esecuzione a un decreto di perquisizione locale e personale – emesso dalla Procura della Repubblica di Fermo su richiesta dei militari della città elpidiense – e hanno rinvenuto nell’abitazione di un 43enne del luogo, già noto per fatti analoghi, una piantagione indoor di cannabis indica composta da 18 piante di varia altezza – dai 18 centimetri a un metro – in piena fioritura. I militari hanno anche rinvenuto irrigatori, umidificatori e lampade a infrarossi.

Durante la perquisizione i carabinieri di Sant’Elpidio hanno anche trovato 72 grammi di marijuana, mezzo grammo di hashish, tre bilancini di precisione, strumenti per il confezionamento delle dosi, due katane, della lunghezza di 30 e 67 centimetri, e un tirapugni in acciaio.

Il 43enne è stato denunciato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio e per il possesso di strumenti atti a offendere. Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato e si trova a disposizione della Procura della Repubblica di Fermo.

Il materiale sequestrato a Porto San Giorgio

Sempre i carabinieri di Sant’Elpidio a Mare hanno dato esecuzione a un ordine di carcerazione per un 50enne di San Benedetto Del Tronto che era in affidamento in una comunità terapeutica della città elpidiense. L’uomo infatti aveva più volte violato le prescrizioni previste per l’affidamento in prova che il magistrato di sorveglianza ha deciso di revocare. Il 50enne – che doveva scontare una pena di 5 anni, 4 mesi e 20 giorni di reclusione per reati legati allo spaccio di stupefacenti – è stato quindi arrestato e trasferito presso il carcere di Fermo.

A Porto San Giorgio invece i carabinieri della locale stazione, durante un servizio finalizzato alla prevenzione dei reati predatori, hanno controllato un soggetto censurato che aveva in auto un coltello a serramanico di 20 centimetri e una pistola scacciacani munita di caricatore e di cartucce. L’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Fermo.