Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Pesaro, truffa dello specchietto: due denunciati

La polizia ha intercettato due campani responsabili dello stratagemma truffaldino. Per loro un foglio di via e divieto di ritorno per 3 anni in città

PESARO – Truffa dello specchietto, due persone denunciate. I poliziotti le hanno intercettate sulla Statale tra Fano e Pesaro.

A seguito delle numerose segnalazioni da parte di cittadini rimasti vittima della cosiddetta truffa dello specchietto, la Polizia di Stato ha individuato e denunciato all’Autorità Giudiziaria due pregiudicati, provenienti da Napoli, di 63 e 43 anni.

Si tratta del particolare stratagemma utilizzato per indurre in errore le vittime alle quali, simulando un urto tra autoveicoli, viene fatto credere di aver provocato un danno allo specchietto esterno del veicolo condotto dai truffatori i quali, poi, propongono di sanare la vicenda con la corresponsione di una somma di denaro in contanti, e ciò per evitare lo scarico assicurativo con aumento del premio di polizza.

Le ignare vittime, convinte di aver provocato il danno, nell’intento di evitare il più costoso ricorso alla denuncia alla compagnia assicurativa, spesso cedono alla richiesta e consegnano la somma in contanti ai malfattori.

In ragione del picco di segnalazioni ricevute negli ultimi giorni, per eventi che hanno interessato più comuni della provincia di Pesaro e Urbino, la Polizia di Stato ha predisposto un mirato servizio di contrasto che ha consentito di individuare, nel pomeriggio di giovedì 20 agosto, una delle autovetture sospette che da Fano si stava dirigendo a Pesaro.

L’azione sinergica e coordinata del personale del Commissariato di P.S. di Fano, dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e della Squadra Mobile della Questura di Pesaro, ha consentito di bloccare il veicolo sospetto, a bordo del quale sono stati identificati due pregiudicati, trovati in possesso di un sasso delle dimensioni di cm 3 x 2, utilizzato per provocare il rumore che simula l’urto tra veicoli.

Le immediate indagini e l’analisi delle denunce presentate nelle scorse settimane ha consentito di attribuire ai due la commissione di una truffa perpetrata a Pesaro, la mattina del 19 agosto.

Gli stessi sono stati muniti di foglio di via obbligatorio per i rispettivi comuni di dimora e sono stati allontanati dal comune di Pesaro, con divieto di farvi ritorno per tre anni.

Sono in corso ulteriori indagini per verificare il coinvolgimento dei due e degli altri componenti del gruppo delinquenziale, in analoghi episodi delittuosi.