Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Pesaro, appalti Erap pilotati per favorire aziende amiche. Otto denunce e perquisizioni

La guardia di finanza ha deferito 8 persone di cui 3 dirigenti dell'ente per l'edilizia popolare. Secondo le carte si parla di gravi violazioni alle normative di gara

I finanzieri di Pesaro
I finanzieri di Pesaro

PESARO – Appalti pilotati all’Erap, perquisizioni dalle prime ore dell’alba. I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pesaro hanno iniziato dei controlli e sequestri emessi dalla Procura della Repubblica di Pesaro nell’ambito dell’indagine denominata “Lavori in corso”, che riguarda circostanziate ipotesi di reati contro la Pubblica Amministrazione commessi da Pubblici Ufficiali e da imprenditori edili in danno dell’Ente Regionale Abitazione Pubblica delle Marche (E.R.A.P.).

L’indagine trae origine dallo sviluppo di un esposto di un dirigente dello stesso Erap. che, insospettito da alcune pratiche e per tutelare l’immagine dell’Istituto in cui prestava servizio, ha segnalato la presunta sussistenza di condotte illecite perpetrate da altri funzionari del medesimo Ente, nell’ambito delle procedure di appalto e gestione dei lavori pubblici.

Le attività d’indagine, iniziate nell’autunno del 2018 e proseguite per vari mesi, si sono rivelate piuttosto articolate a causa delle numerose e complesse procedure di gara sottoposte ad approfondimento e della necessità di svolgere anche analisi di carattere tecnico su alcune vicende riguardanti la progressione dei cantieri monitorati durante le indagini.

Dalle indagini sarebbero emerse molte gravi violazioni alle normative che regolano l’aggiudicazione e la gestione degli appalti pubblici commesse da dipendenti Erap che, avendo stretti legami con i titolari delle imprese aggiudicatarie, favorivano gli stessi in danno dell’Ente Pubblico di appartenenza.

Sinora sono state denunciate 8 persone, tra cui 3 dirigenti dell’Ente, per abuso d’ufficio, falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale in atti pubblici, turbata libertà di scelta del contraente, induzione a dare o promettere utilità.

L’esecuzione delle attività, volta ad acquisire documentazione ed elementi diretti ad arricchire il quadro probatorio già delineato, riguarda 8 domicili privati, 5 sedi aziendali, uno studio professionale e gli uffici di due
dirigenti
dell’Erap alla sede di Pesaro e sono in corso nei comuni di Pesaro, Fano (PU), Colli al Metauro (PU), Serra sant’Abbondio (PU), Casoria (NA).

L’operazione si inquadra nel più ampio dispositivo di polizia economicofinanziaria apprestato dalla Guardia di Finanza a contrasto della corruzione e a tutela del buon andamento della Pubblica Amministrazione.