Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Osimo, chiuse le grotte: tante le presenze nonostante il periodo difficile

Il punto di Informazione e accoglienza turistica di via Fonte Magna invece, così come l'info point sotto il loggiato comunale, rimangono aperti per fornire informazioni sui servizi e luoghi da visitare in città

Il punto Iat delle grotte di Osimo
Il punto Iat delle grotte di Osimo

OSIMO – In ottemperanza all’ultimo Dpcm, le grotte di Osimo sono chiuse dal 6 novembre al 3 dicembre, essendo esse classificate come museo-area archeologica. Il punto di Informazione e accoglienza turistica (Iat) di via Fonte Magna invece, così come l’info point sotto il loggiato comunale, rimangono aperti per fornire informazioni sui servizi e luoghi da visitare in città.

«Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente il personale dell’ufficio turistico-Iat e della Asso per il grande lavoro svolto in questo anno complicato. È grazie a loro che è stato possibile raggiungere, comunque, numeri significativi per la stagione 2020 – afferma l’assessore al Turismo Michela Glorio -. Tra giugno e ottobre sono stati infatti 6.514 i visitatori che hanno scelto Osimo comprando un biglietto per la visita alle grotte o per uno degli itinerari “outdoor” e più di tremila quelli che si sono rivolti ai servizi informativi, senza acquistare il biglietto. Nei primi mesi dell’anno (gennaio e febbraio) si è riscontrato un più 20% negli ingressi per poi subire un azzeramento nei mesi di marzo, aprile e maggio; ad oggi, il totale dei biglietti staccati è di 7.390. I numeri non sono comparabili con le annualità precedenti a causa degli ingressi contingentati che non hanno permesso di accogliere gruppi con più di dieci persone in rispetto della normativa anti Covid. Di fronte a questa nuova battuta di arresto che coinvolge pesantemente tutto il settore turistico-ricettivo mi sento di esprimere solidarietà agli operatori del settore che, dopo la boccata di ossigeno estiva, si ritrovano di nuovo in grande difficoltà e per i quali saranno necessarie misure straordinarie».