Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Macerata, spaccio e stalking: arrestato un 37enne

L'uomo, di origini albanesi, sceglieva di volta in volta luoghi diversi per effettuare le sue cessioni con la speranza di non essere beccato dalle forze dell'ordine

polizia

MACERATA – Spaccio di droga e violenza contro la ex: la Squadra Mobile di Macerata arresta un 37enne albanese.

L’uomo, C.L., 37 anni, cittadino albanese residente in provincia, è stato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Macerata su richiesta del procuratore della Repubblica Giovanni Giorgio che ha coordinato le indagini.

Il 37enne, arrestato dalla Squadra Mobile della questura di Macerata, era gravato da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, in materia di sostanze stupefacenti e contro la persona. L’indagine dei poliziotti, iniziata nello scorso anno, ha permesso di accertare che l’uomo era al centro di un traffico di droga – principalmente cocaina – e che aveva anche perseguitato la ex compagna.

Il 37enne, in un periodo di otto mesi, ha effettuato centinaia di cessioni di droga ad altrettanti assuntori; l’uomo, di volta in volta, individuava un luogo diverso per lo scambio con la speranza di non essere individuato dai poliziotti. Gli investigatori hanno effettuato numerosi appostamenti, anche di notte, per cercare di risalire a tutte le attività illecite del 37enne.

Il questore di Macerata Antonio Pignataro

Il questore di Macerata, Antonio Pignataro, ha sottolineato che si tratta di una importantissima operazione portata a termine dalla Squadra Mobile in stretta sinergia con la Procura della Repubblica di Macerata, che ha consentito di trarre in arresto un pericoloso spacciatore e di stroncare un canale di spaccio a cui facevano riferimento decine di giovani ragazzi provenienti anche da fuori provincia. La lotta alle sostanze stupefacenti costituisce una delle priorità della questura di Macerata, che viene svolta senza soluzione di continuità e che non ha subito flessioni neanche durante il periodo del locklown quando sono state tratte in arresto e deferite all’Autorità Giudiziaria svariate persone resesi responsabili di reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.