Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Fossombrone, arrestato pusher con oltre mezzo chilo di hashish

In manette un cittadino marocchino di 50 anni, residente nella Val Metauro. La droga era destinata ad un’ampia vendita al dettaglio sulla piazza forsempronese

arrestato pusher con oltre mezzo chilo di droga
arrestato pusher con oltre mezzo chilo di droga

FOSSOMBRONE – Altro duro colpo da parte delle autorità locali al mondo dello spaccio di stupefacenti culminato con un ingente sequestro di droga, destinato a un’ampia vendita al dettaglio sulla piazza forsempronese.

I carabinieri della Stazione di Fossombrone hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di droga un cittadino marocchino di 50 anni, residente nella Val Metauro. L’arresto è il frutto dei quotidiani servizi di controllo del territorio svolti in questo periodo dai militari per le verifiche sul rispetto delle misure di contenimento del contagio da Covid.

Il blitz è scattato il pomeriggio del 22 marzo: erano da poco passate le 15 quando la pattuglia ha notato due uomini aggirarsi con fare sospetto nel parcheggio presente nei pressi della Chiesa di San Martino del Piano. Durante le fasi dell’identificazione entrambi hanno iniziato a mostrare una strana irrequietezza che ha insospettito i militari e li ha fatti propendere per più approfonditi controlli.

A quel punto, sentendosi in trappola, i due hanno cercato di disfarsi dello stupefacente che era in loro possesso: il più giovane dei due, un cittadino marocchino di 31 anni, ha lasciato cadere a terra una dose di hashish del peso di circa 1 grammo, che all’esito degli accertamenti è risultata essere stata a lui ceduta dall’altro uomo in sua compagnia, anche lui marocchino di 50 anni.

Contestualmente anche il 50enne ha tentato di disfarsi di un involucro contenente 5 grammi di hashish, prontamente recuperata dai militari.
La successiva perquisizione presso l’abitazione del 50enne ha permesso inoltre di rinvenire un bilancino di precisione e materiale vario per la pesatura e il taglio dello stupefacente, nonché complessivamente circa 600 grammi di hashish dislocati in diversi punti dell’abitazione in modo da risultare difficili da trovare: parte è stata rinvenuta nel suo comodino, parte sotto un cuscino, mentre il grosso del quantitativo è stato trovato sopra l’armadio della camera da letto, dove i militari hanno rinvenuto un vaso in plastica di colore rosa riposto sul fondo in modo che non si vedesse dal basso, al cui interno erano presenti ben 5 panetti di hashish del peso di circa 100 grammi ciascuno.

Alla luce delle risultanze raccolte dai militari non è rimasto che dichiarare l’uomo in stato di arresto. Stamane si è svolta presso il Tribunale di Urbino l’udienza di convalida, all’esito della quale il Giudice, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha applicato all’uomo la misura degli arresti domiciliari in attesa dello svolgimento del processo. Segnalato invece per uso personale alla Prefettura di Pesaro e Urbino il giovane 31enne.