Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Fermato per un controllo dai carabinieri di Porto Recanati, spuntano cocaina e un coltello

Tunisino di 34 anni arrestato: su di lui pendeva un ordine di carcerazione. Era stato condannato in via definitiva a tre anni, sei mesi e dieci giorni di reclusione per spaccio

PORTO RECANATI – Fermato per un controllo, trovato con cocaina e coltello poi la scoperta: su di lui pendeva un ordine di carcerazione per una condanna per spaccio diventata definitiva: tre anni e mezzo. È finito in carcere un 34enne di origine tunisina.

Il controllo è stato eseguito nella serata di ieri dai carabinieri della locale Stazione impegnati in uno specifico servizio di prevenzione e repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti. I militari hanno notato un extracomunitario che si aggirava per le vie del centro e hanno deciso di controllarlo. Il giovane era sprovvisto di documenti di identità e ha iniziato ad assumere un atteggiamento nervoso e sbrigativo, tanto che i militari, insospettiti, hanno deciso di approfondire gli accertamenti. E l’intuizione si è rivelata corretta dal momento che il giovane aveva in tasca un coltello a serramanico e quattro dosi di cocaina per complessivi 2 grammi. Per questo motivo è stato denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria maceratese per i reati di porto abusivo del coltello e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, sia il coltello sia la droga sono stati posti sotto sequestro.

A quel punto l’extracomunitario è stato accompagnato negli uffici del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Civitanova per essere sottoposto a fotosegnalamento e ad esami dattiloscopici. È stato lì che i militari hanno scoperto che su di lui, un 34enne di origine tunisina, pendeva un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Ascoli Piceno il 31 maggio scorso dopo che gli è diventata definitiva una condanna a tre anni, sei mesi e dieci giorni di reclusione, oltre a una multa di 12.000 euro per il reato di spaccio continuato ed aggravato commesso nelle Marche negli anni 2017 e 2018. Arrestato, questa mattina è stato condotto al carcere di Fermo.