Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Fano, prima semina il panico in un supermercato poi aggredisce i poliziotti: arrestato 26enne

Il giovane, in evidente alterazione alcolica e privo di mascherina, ha iniziato volutamente a tossire contro i clienti e il personale dipendente, provocando allarme e paura tra i presenti dell'esercizio commerciale

FANO – Ha prima seminato il panico all’interno di un supermercato di Fano, poi ha aggredito gli agenti intervenuti per arginarlo. È successo nel pomeriggio del 27 marzo all’Eurospin: un 26enne nigeriano, in evidente alterazione alcolica e privo di mascherina, ha iniziato volutamente a tossire contro i clienti ed il personale dipendente, provocando allarme e paura tra i presenti. Sul posto è stato chiesto l’intervento degli agenti del Commissariato di Fano che ha inviato due pattuglie sul luogo.

Gli agenti si sono messi subito sulle tracce della persona che nel frattempo si era defilata non molto distante: il giovane è stato rintracciato nei pressi del terminal autobus della Stazione Ferroviaria. Appena è stato avvicinato dai Poliziotti per l’identificazione ha iniziato ad aggredirli, prima verbalmente, poi fisicamente, con pugni e calci.

Nella circostanza gli agenti, dando prova di notevole professionalità, sono riusciti a schivare i colpi e ad immobilizzare il soggetto in questione ed identificarlo; sulla regolarità della sua presenza sul territorio nazionale sono ancora in corso accertamenti. Il 26enne è stato arrestato per i reati di violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale e per false dichiarazioni sulla propria identità personale. Sottoposto a tampone molecolare per il Covid-19, è risultato negativo; ciò ha consentito di rasserenare il personale ed i clienti del supermercato, timorosi del possibile contagio.

Nella mattinata odierna, presso il Tribunale di Pesaro, si è tenuta l’udienza per direttissima, conclusasi con la convalida dell’arresto e con la condanna dello straniero ad un anno e dieci mesi di detenzione, con pena sospesa e con l’autorizzazione alla sua espulsione dal territorio nazionale.