Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Fano, armato di machete semina il panico a Fenile: uccisi due cani e ferite tre persone

Alla base della folle violenza ci sarebbe stata la gelosia. Dopo il blitz, l'uomo ha tentato la fuga ma è stato ben presto raggiunto ed arrestato dai Carabinieri

Carabinieri di Fano
Carabinieri di Fano

FANO – Pazzo di gelosia ed armato di un machete ha seminato il panico a Fenile, ferendo tre persone che si sono trovate lungo il suo percorso. È successo nel pomeriggio del 29 ottobre. L’uomo, che stava cercando la sua ex compagna, ha ucciso due cani, colpito con un pugno al volto una donna anziana e semi strappato con un morso l’orecchio ad un’altra; nel trambusto è rimasto ferito anche il marito di quest’ultima. Un bilancio sicuramente grave ma che sarebbe potuto essere ancora più sanguinoso se l’uomo fosse riuscito a trovare la sua ex.

Autore del folle gesto, a quanto sembra, un uomo di origini straniere residente nella zona che si è presentato in una casa a schiera di via Bartali, a Fenile. Dopo aver suonato ripetutamente il campanello senza avere ricevuto risposta alcuna, ha scavalcato il cancello ed è entrato nel giardino.

Lì sarebbe stato redarguito da un’anziana in carrozzina che abita al primo piano a cui avrebbe rifilato un pugno in pieno viso. A questo punto l’uomo, dopo essere salito al piano di sopra, ha infranto la porta a vetri per entrare nell’appartamento della sua ex compagna. Nel trambusto è stato aggredito dai due cani appartenenti alla famiglia del piano di sotto: l’uomo di tutta risposta li ha uccisi a colpi di machete.

A questo punto l’esagitato si sarebbe trovato di fronte una coppia che lo ha intimato di fermarsi: ha reagito aggredendo la donna morsicandola all’orecchio ed ha malmenato anche il marito giunto in suo soccorso; Quindi ha tentato la fuga. Nel frattempo sul posto era stato chiesto l’intervento del 118 per le cure del caso ai feriti e dei Carabinieri che si sono messi subito sulle tracce del fuggitivo che è stato ben presto assicurato alle autorità. Dovrà rispondere di svariati reati tra cui violenza ed aggressione. Ancora non è ben chiaro cosa abbia innescato la sua folle violenza, ma si presume un attacco di gelosia.