Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Cameriera riscuoteva il conto e se ne teneva una parte, arrestata

I carabinieri di Piandimeleto si sono finti clienti del locale e hanno smascherato una 35enne del posto. A casa aveva 75mila euro in contanti frutto dei furti ripetuti da ottobre 2019

carabinieri

PIANDIMELETO – Faceva la cresta sul conto al ristorante tanto da mettere da parte 75mila euro. Cameriera arrestata.

I carabinieri della Stazione Carabinieri di Piandimeleto hanno arrestato per furto aggravato una giovane cameriera di 35 anni. L’operazione trae origine dalla denuncia fatta dal titolare dell’esercizio pubblico.

In particolare l’arrestata dipendente del ristorante in qualità di cameriera, era addetta anche alla riscossione dei conti da parte dei clienti, e dopo aver dato il resto, si intratteneva per poco alla cassa, armeggiando vicino alla stessa, ed occultando dei soldi all’interno di una tovaglia di carta per poi dirigersi in uno stanzino adibito a spogliatoio dei dipendenti e nasconderli all’interno della propria borsa.

I militari appostati all’interno del locale hanno visto la scena e hanno fermato immediatamente l’arrestata, facendole sapere che erano carabinieri in borghese e che avrebbero provveduto a controllare la sua borsa.

La stessa apriva la borsa e spontaneamente consegnava la somma di 400 euro, sottratta durante la serata. La successiva perquisizione domiciliare, permetteva di rinvenire occultati all’interno di alcune scatole di latta la somma contante pari ad 75.000 euro, frutto dei furti che continuavano dal mese di ottobre 2019.

Gli accertamenti dei Carabinieri sono ancora in corso. La somma è stata sottoposta a sequestro. L’ arresto, con rito direttissimo presso il Tribunale di Urbino, è stato convalidato, disponendo l’obbligo di firma giornaliero alla P.G.