Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Ascoli, morto Luciano Giorgi, psichiatra dell’Ospedale Mazzoni

64 anni, era uno stimato professionista nel servizio per le tossicodipendenze e lavorava al Sert. Risultato positivo due settimane fa, era ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di San Benedetto

Foto di Marco Traini

ASCOLI- Morto il primo medico in servizio presso l’Ospedale Mazzoni di Ascoli, probabilmente per le complicazioni legate al Covid. Si tratta dello psichiatra Luciano Giorgi, 64 anni che lavorava al Sert.

Il medico era risultato positivo al coronavirus due settimane fa, e da allora per lui è iniziato un calvario. Le sue condizioni sanitarie sono progressivamente peggiorate, e il dottore è stato poi intubato e ricoverato in terapia intensiva al «Madonna del Soccorso» di San Benedetto. Fino a quando ieri, 26 novembre, non è arrivato il decesso.

La morte di Giorgi, stimato professionista nel Servizio per le tossicodipendenze del nosocomio ascolano, ha destato profonda impressione e sconcerto sia tra il personale sanitario dell’Area Vasta 5 sia in tutti quelli che lo conoscevano. La sua morte così rapida e improvvisa, non ha dato il tempo a nessuno di capire come evolveva la malattia e come portare conforto ai suoi familiari. Anche la sorella dello psichiatra, Francesca che è primario all’ospedale di San Benedetto, non ha potuto far nulla per salvare la vita al fratello.

Al Sert di Ascoli, un altro medico è risultato positivo al covid-19, anche se le sue condizioni non sembrano al momento preoccupanti. Un primario del Mazzoni, inoltre è ricoverato in terapia intensiva a Teramo.

Intanto, sul fronte del contrasto alla diffusione del coronavirus sul territorio provinciale di Ascoli, c’è da segnalare che il numero dei ricoverati è salito da 78 a 99. Ma di questi solo 12 sono in situazioni più critiche, e sono ospitati nei reparti di terapia intensiva dei due nosocomi piceni ( 11 a San Benedetto). Nelle ultime 24 ore, secondo il Servizio sanitario della Regione Marche, nell’ascolano altre pazienti sarebbero deceduti per cause forse correlate al covid . Un uomo di 92 anni e due donne di 78 e 64 anni.