Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Civitanova, spara alla gamba di un 50enne: in manette per tentato omicidio

In carcere un 40enne pluripregiudicato originario della Campania. Si indaga per capire le cause dell'accaduto. Coinvolte anche altre cinque persone

CIVITANOVA – Spara un colpo d’arma da fuoco alla gamba di un 50enne: in manette per tentato omicidio 40enne pluripregiudicato. I poliziotti della squadra mobile di Ancona e di Macerata sono riusciti a individuare in meno di 12 ore l’autore dell’episodio avvenuto la scorsa notte, intorno alle 20, a Civitanova.

Il 50enne, residente a Civitanova e già noto alle forze dell’ordine per i reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti, si era presentato ieri sera presso il pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova con un colpo d’arma da fuoco alla gamba sinistra. Dopo essere stato soccorso dal personale medico, l’uomo è stato interrogato dalla polizia e ha fornito agli uomini in divisa una ricostruzione confusa, dichiarando di non conoscere il suo aggressore che lo aveva colpito mentre era all’esterno di un’attività commerciale della città costiera.

Le forze dell’ordine hanno subito dato il via alle indagini visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza della città e ascoltando alcuni testimoni. I poliziotti hanno passato al setaccio diverse abitazioni occupate da pregiudicati nelle province di Macerata e Fermo e proprio in una di queste, nel Fermano, hanno rinvenuto le tracce di sangue del 50enne e hanno così individuato il luogo del ferimento. In un’altra abitazione, sempre nella provincia di Fermo, gli uomini hanno catturato invece il responsabile, un 40enne pluripregiudicato originario della Campania. Nella sua abitazione è stata rinvenuta la pistola calibro 7.65, detenuta illegalmente e con matricola abrasa.

L’uomo, che non ha opposto resistenza, è stato arrestato per tentato omicidio e detenzione illegale di arma da sparo clandestina ed è stato portato in carcere. È scattata anche la denuncia, sempre per gli stessi reati, nei confronti di una seconda persona. Altre cinque sono state denunciate per favoreggiamento in concorso tra loro.
La polizia sta attualmente portando avanti ulteriori indagini per ricostruire i dettagli della vicenda, scoprire le cause di quanto accaduto e identificare altri responsabili