Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Civitanova, mille cessioni di droga in pieno centro: arrestato spacciatore 34enne

La misura della custodia cautelare in carcere è scattata dopo la decisione del gip Manzoni. L'uomo, irregolare sul territorio nazionale, avrebbe effettuato numerose cessioni tra gennaio e marzo di quest'anno

Carabinieri
Carabinieri

CIVITANOVA MARCHE – Avrebbe effettuato oltre mille cessioni di eroina e cocaina in pieno centro città, a Civitanova; è l’accusa che oggi ha portato in manette un 34enne tunisino irregolare sul territorio nazionale. Il giovane è stato arrestato questa mattina dai carabinieri della Compagnia di Civitanova che hanno dato esecuzione alla misura cautelare in carcere emessa dal gip presso il tribunale di Macerata; l’uomo, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, avrebbe effettuato mille cessioni di droga in tre mesi.

La decisione del gip Giovanni Manzoni è arrivata ieri mattina in accoglimento dell’accusa sostenuta dal pm Rosanna Buccini che ha chiesto la custodia cautelare in carcere per il 34enne. Oggi i carabinieri hanno dato esecuzione alla misura.

Il giovane, domiciliato a Porto Potenza Picena, è stato arrestato per il reato continuato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A incastrare l’uomo sono state le articolate indagini condotte dai militari del Nucleo Operativo della città costiera. I carabinieri infatti, grazie ad appostamenti e osservazioni sono riusciti a risalire a circa mille cessioni di eroina e cocaina – avvenute principalmente nei pressi della stazione, ai giardini del Varco sul mare e in corso Umberto I, nel periodo compreso tra gennaio e marzo.

Le prove e la possibilità di reiterazione del reato hanno convinto il giudice Manzoni a disporre a carico del 34enne tunisino, irregolare sul territorio nazionale, l’arresto in carcere dato che è stata ritenuta l’unica misura idonea a bloccare la sua condotta delittuosa.

Il giovane è stato quindi trasferito presso il carcere di Montacuto ad Ancona e disposizione dell’Autorità Giudiziaria e in attesa dell’interrogatorio di garanzia.