Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Castelbellino, ubriaco a zig zag lungo la SS 76: denunciato un fabrianese

Il pronto intervento della Polizia stradale, sollecitato dagli altri automobilisti in transito, ha evitato il peggio. Ecco cosa è accaduto

Pattuglia della polstrada

FABRIANO – A zig zag lungo la SS. 76. Fabrianese denunciato per guida in stato di ebbrezza. Il pronto intervento della Polizia stradale, intervento sollecitato dagli altri automobilisti in transito, ha evitato risvolti peggiori.

Nel pomeriggio di ieri, 21 febbraio, più telefonate sono giunte al centro operativo della Polizia Stradale di Ancona. Ad effettuarle, automobilisti che stavano percorrendo la SS. 76 e che segnalavano la presenza di una autovettura Fiat Punto il cui conducente, all’altezza di Castelbellino, procedeva in direzione Fabriano zigzagando pericolosamente. Immediatamente, è stata inviata la pattuglia in servizio della Polstrada per accertare quanto segnalato.

Poco dopo, gli agenti sono riusciti a intercettare e, quindi fermare, il veicolo in una piazzala di sosta. Alla guida dell’automobile vi era un uomo di 61 anni residente nel Fabrianese. Dopo la consueta identificazione, gli agenti della Polstrada hanno verificato lo stato di alterazione in cui si trovava l’uomo. Per questo motivo si è deciso di approfondire le indagini, sottoponendolo all’alcoltest. I risultati non hanno lasciato spazio a dubbi, confermando le segnalazioni degli altri automobilisti in transito lungo la SS. 76. Infatti l’alcoltest ha verificato una concentrazione di alcol nel sangue tre volte superiore al limite consentito dall’attuale normativa in vigore.

Per questo motivo, l’uomo residente nel fabrianese è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza, gli è stata anche ritirata la patente di guida. Dal centro operativo della Polizia Stradale di Ancona si sottolinea l’efficacia della collaborazione tra cittadini ed istituzioni che ha permesso, nell’episodio specifico, «di scongiurare un grave pericolo per la sicurezza stradale e salvaguardare l’incolumità degli utenti della strada e dello stesso conducente fermato», si conclude la nota diffusa dalla Polstrada.