Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Carabinieri: cambio al vertice in tre stazioni del territorio piceno

Il maresciallo Albanesi lascia Arquata dopo 11 anni e va a dirigere Acquasanta Terme. Incarichi anche per Giorgioni e Palombi

Al centro il comandante proviciale dei carabinieri di Ascoli, il colonnello Tommaseo con i nuovi capo stazione di Arquata, Acquasanta e Villa pigna

ASCOLI – Cambio al vertice in tre Stazioni dell’Arma dei carabinieri nel territorio provinciale di Ascoli. In congedo il luogotenente Enrico Palmieri, al suo posto al comando della stazione di Villa Pigna Bassa di Folignano, alle porte del capoluogo arriva il luogotenente Alessandro Giorgioni, 52 anni di Roma. Quest’ultimo fino ad ora aveva guidato l’attività dei carabinieri ad Acquasanta Terme, a 15 km ad ovest di Ascoli. Nella cittadina termale, a sostituirlo giungerà invece il maresciallo maggiore Vincenzo Albanesi, 51 anni, ascolano.

Negli ultimi 11 anni Albanesi ha avuto la rilevante ed impegnativa responsabilità di coordinare il lavoro dell’Arma nel territorio di Arquata del Tronto. Ha quindi vissuto in prima persona le vicende del terremoto e le sue conseguenze sulla popolazione residente, operando per tutelare cittadini e sfollati nei difficili mesi che hanno seguito l’evento, spesso in condizioni emergenziali e drammatiche. Ora per lui ad Acquasanta un incarico diverso anche se non meno importante per il territorio montano del Piceno. A prendere il posto del maresciallo Albanesi ad Arquata andrà il maresciallo Luigi Palombi, anch’egli ascolano, 46 anni.

Tutti i nuovi comandanti di stazione di provata esperienza e professionalità sono stati ricevuti dal Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il colonnello Giorgio Tommaseo che ha augurato loro buon lavoro.