Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Ascoli, morto a 53 anni don Angelo Ciancotti: era il parroco della Cattedrale

Sacerdote colto ed energico, era stato cappellano dell'Ordine di Malta e docente all'Istituto teologico marchigiano. Il ricordo del vescovo Domenico Pompili

ASCOLI PICENO – Un’altra scomparsa dolorosa per la città di Ascoli. È morto infatti nella mattinata di oggi, don Angelo Ciancotti, parroco della cattedrale di Sant’Emidio. Aveva solo 53 anni. Il decesso è arrivato al termine di lunga malattia, con cui il religioso ha combattuto per molto tempo. Don Angelo era nato nel 1967 a Lauf, in Germania, ed era stato nominato sacerdote da Mons. Pierluigi Mazzoni nel 1995.

Prima Vicario parrocchiale nella frazione di Mozzano, poi parroco del paese di Riparerarda, successivamente era stato assegnato alla guida della comunità di fedeli della chiesa di S. Maria della Carità, nel centro storico di Ascoli. Dal 16 luglio 2015 era stato nominato Amministratore parrocchiale, infine parroco della Cattedrale dal vescovo Mons. Giovanni D’Ercole. Molto noto in città, Don Angelo Ciancotti aveva molti impegni ed incarichi.

Tra l’altro era membro del Consiglio Presbiterale e del Collegio dei Consultori della Diocesi nonché cappellano dell’Ordine di Malta, dell’Ordine del Santo Sepolcro, della Fondazione Centesimus Annus pro Pontifice. Da ricordare che ha anche insegnato presso l’Istituto teologico Marchigiano ed è stato Cappellano della Polizia di Stato. Al suo attivo, a rimarcare le qualità culturali, anche numerosi pubblicazioni su vari temi e argomenti.

Così lo ricorda l’attuale Vescovo Domenico Pompili: «Ho conosciuto un uomo e un sacerdote che ha affrontato con grande coraggio la sua malattia senza mai distogliere il pensiero dalla sua amata Cattedrale che, sia pure a distanza per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute, continuava a seguire con il suo intelletto d’amore. Con don Angelo scompare un pastore energico e concreto che in questi anni ha mostrato una grande attenzione alle persone a lui affidate oltre che ai luoghi culturalmente più importanti della Città. Fino alla fine ha conservato la Fede e si è abbandonato fiducioso nelle mani di Dio».

I funerali si svolgeranno naturalmente al Duomo di Sant’Emidio, anche se non è stata ancora fissata la data e l’ora. La celebrazione delle esequie del parroco sarà trasmessa su Radio Ascoli nonché in video sul YouTube Radio Ascoli Tv e sul canale 111 del Digitale terrestre di TVRS Marche.