Centro Pagina - cronaca e attualità

Cronaca

Arcevia, cane aggredito dai lupi: salvato dall’intervento dei padroni. Si moltiplicano gli avvistamenti

Si tratta comunque solo dell’ultimo episodio analogo: altri due cani erano stati attaccati a Sant’Angelo e Borgo Passera, in quei casi con esiti nefasti per i cagnolini

lupi, animali selvatici, attacchi

ARCEVIA – È sempre più critica la convivenza con i lupi e con la fauna selvatica in generale: l’ultimo episodio si è consumato ad Arcevia ed ha riguardato un cucciolo di meticcio che è stato attaccato da un branco di lupi.

Ad evitare il peggio per il piccolo meticcio sono stati i suoi proprietari che, mettendo a rischio la loro stessa incolumità, lo hanno letteralmente strappato dalle fauci del branco che aveva accerchiato il cagnolino praticamente davanti alla soglia di casa. I lupi hanno desistito dai loro intenti e si sono dileguati velocemente.

Si tratta comunque solo dell’ultimo episodio analogo: altri due cani erano stati attaccati a Sant’Angelo e Borgo Passera, in quei casi con esiti nefasti per i cagnolini. Solo nell’ultima settimana i lupi sono stati avvistati ad Ostra, in un campo agricolo a ridosso delle case, e lungo la strada Arceviese, all’altezza di Borgo Passera. Le scorse settimane i lupi sono stati avvistati a Montignano e San Silvestro, anche in pieno giorno.

Continua anche la moria di cinghiali: sono ben cinque nel giro di poco più di una settimana. L’ultima carcassa è stata segnalata nella giornata del 26 luglio lungo l’Arceviese a Pianello di Ostra. La presenza massiccia dei cinghiali nei centri abitati, secondo i cacciatori, sarebbe strettamente collegata con la presenza dei lupi: gli ungulati si spingerebbero a ridosso delle zone rurali o sulle arterie stradali per sfuggire agli assalti dei lupi, loro predatori naturali.