Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Vaccini, Senigallia in linea coi dati regionali: copertura quasi al top

In commissione si monitora l'andamento delle vaccinazioni e la situazione nelle strutture per l'infanzia della città

SENIGALLIA – Si discuterà dell’esito dell’obbligo vaccinale durante la seduta della IV Commissione consiliare prevista per giovedì 11 ottobre. La seduta, convocata per le ore 18 nel palazzo La Nuova Gioventù di viale Leopardi, verterà soprattutto sulla conoscenza della situazione dei vaccini all’interno delle strutture per l’infanzia e scolastiche presenti nel territorio comunale.

«L’obbligo dei vaccini è un tema a cui la popolazione si è mostrata sempre molto sensibile, ma spesso non si è fatta molta chiarezza in merito ai dati sull’andamento delle vaccinazioni ed per questo motivo che urge un approfondimento» spiega Maurizio Perini, capogruppo di Progetto in Comune e autore della richiesta all’odg.

L’obbligo dei vaccini riguarda i bambini e ragazzi da 0 a 16 anni ed è stato introdotto dal Ministero della Salute nel giugno 2017 quando si è registrato un forte calo nell’adesione alle politiche vaccinali, con conseguenti decessi. Per evitare altre situazioni di questo genere si è ricorsi all’imposizione di un vaccino esavalente che tutela i minori da difterite, poliomelite, Haemophilus influenzae tipo b, tetano, epatite B e pertosse, a cui si aggiunge un altro vaccino tetravalente (o trivalente) per morbillo, rosolia, parotite e varicella. Non obbligatoria ma fortemente raccomandata (e gratuita) anche per le persone adulte è poi la vaccinazione contro il meningococco B e C e contro lo pneumococco.

Davanti a tutti questi nomi, secondo Perini, «è utile conoscere qualcosa di più sull’andamento delle vaccinazioni nelle strutture senigalliesi, pubbliche e private» ed è per questo che durante la commissione che ha competenza in materia di servizi alla persona e pubblica istruzione, il presidente Margherita Angeletti ha convocato anche un tecnico, il dottor Daniel Fiacchini, medico e coordinatore del gruppo tecnico vaccini delle Marche.

Nel frattempo, qualche dato l’ha fornito a Centropagina.it il presidente della IV Commissione regionale (sanità) nonché medico senigalliese Fabrizio Volpini: «Oggi siamo nella condizione di poter incrociare i dati dell’anagrafe vaccinale con ciò di cui sono in possesso le scuole e conoscere quindi la reale situazione vissuta nei nidi e strutture per l’infanzia comunali. Possiamo innanzitutto dire che Senigallia presenta in tema di vaccini percentuali in linea con le medie regionali e cioè che si sono alzate le coperture grazie all’obbligo vaccinale fino a raggiungere quasi il 95%, la soglia considerata ottimale per la cosiddetta immunità di gregge. In particolare siamo al 93% per quanto riguarda la protezione con il vaccino esavalente, mentre siamo sul 90% per quanto riguarda morbillo e varicella. C’è insomma ancora tanta strada da fare ma siamo su quella giusta e rimaniamo come Regione fermi dell’idea che chi non è in regola non debba entrare nelle strutture pubbliche per l’infanzia».

Il consigliere regionale Fabrizio Volpini si sottopone alla vaccinazione

«Ciò in cui siamo ancora molto indietro – continua Volpini, che proprio nei giorni scorsi ha rassegnato le dimissioni come delegato alla sanità da parte del governatore Ceriscioli – è la copertura contro lo pneumococco, che interessa però soprattutto anziani e soggetti a rischio. All’orizzonte c’è un’intesa con i medici di medicina generale per far sì che la vaccinazione, molto importante per certe categorie di persone, possa raggiungere coperture del 40% nel 2018 e del 50% per 2019 che sono le coperture considerate ottimali nel piano di prevenzione regionale. Il problema è che ora al 2-3%, e dobbiamo stare comunque sempre attenti perché qualsiasi arretramento politico sull’obbligo vaccinale potrebbe arrestare quel processo virtuoso che sta oggi assicurando il raggiungimento della soglia del 95%. Di certo non serve alla causa chi rema contro solo per racimolare pochi voti, ma so per certo che la maggior parte delle persone si sta affidando alla scienza, alla medicina serie e sta facendo vaccinare i propri figli. Gli altri sono nettamente una minoranza e fanno solo tanto rumore».

I lavori della commissione potranno essere seguiti in diretta streaming sulla piattaforma digitale senigallia.halleymedia.com.