Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Vaccini in azienda, c’è l’adesione di Biesse Group

La multinazionale pesarese legata alla meccanica offre i suoi spazi. Selci: «Accelerare per ritornare alla normalità socioeconomica»

Biesse Group

PESARO – Somministrazione dei vaccini nei luoghi di lavoro, c’è l’adesione di Biesse Group. La multinazionale leader nella tecnologia per la lavorazione di legno, vetro, pietra, plastica e metallo, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, aderisce alla proposta avanzata da Confindustria Marche al tavolo della Giunta regionale che coinvolge, per l’attuazione del protocollo vaccinale proposto dalla Regione, gli imprenditori marchigiani.

«Siamo pienamente disponibili a collaborare con Regione Marche nella predisposizione di un piano vaccinale per i nostri dipendenti e collaboratori attraverso le nostre strutture – spiega Roberto Selci, Amministratore Delegato Biesse Group – secondo le diverse categorie di rischio e nel pieno rispetto delle priorità definite dal piano di vaccinazione nazionale. Siamo pronti a valutare la collaborazione con le imprese del territorio, mettendo a disposizione i nostri spazi affinché anche altre aziende possano aderire a questa iniziativa per il bene comune della nostra Regione e del nostro Paese. Abbiamo sempre dimostrato la volontà di operare in sinergia con il territorio nella salvaguardia delle persone e crediamo che oggi solo un’accelerazione del piano vaccinale possa portarci al superamento dell’emergenza sanitaria, con il ritorno alla nostra quotidianità e la ripartenza del sistema socioeconomico».

Biesse Group ha messo in atto già dallo scorso anno una serie di misure per garantire la sicurezza dei dipendenti, dei clienti e di tutte le persone che interagiscono con l’azienda e al tempo stesso assicurare la costante operatività in tutte le proprie sedi nel mondo. Tra le varie attività a sostegno di stakeholder interni ed esterni, il Gruppo ha adottato da inizio pandemia un protocollo di sicurezza che prevede lo screening mensile, o in alcuni casi ancora più frequente, di tutti i collaboratori e piani di sanificazione costanti. Ha introdotto inoltre un ampio programma di smartworking, visite contingentate in sicurezza presso gli showroom del Gruppo e l’attivazione di strumenti digitali, come dimostrazioni sulle macchine in remoto ed eventi ibridi, per continuare a supportare i clienti anche attraverso nuove modalità.