Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Una scuola per Pieve Torina

“Succisa Virescit” è il nome del progetto promosso da tre imprenditori quale segno di vicinanza e concreta partecipazione alla comunità di uno dei Paesi marchigiani maggiormente colpiti dal sisma

Gli imprenditori Tonino Dominici di Boxmarche, Giuliano De Minicis di Dmpconcept e Sandro Paradisi di Paradisi sBrl, promuovono sulla base delle necessità indicate dal giovane Sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci, il progetto ‘Succisa Virescit. Una scuola per i ragazzi di Pieve Torina’ come segno di umana vicinanza e concreta partecipazione alla comunità di questo piccolo paese delle Marche, che con il 93% degli edifici inagibili (tutte le scuole distrutte), è fra i più duramente colpiti dai recenti e drammatici eventi sismici.

Obiettivo
«Riportare nel più breve tempo possibile i giovani, attualmente dispersi in diverse strutture della costa marchigiana, a crescere e studiare nel loro paese d’origine, significa preservare il fulcro vitale per la sopravvivenza e l’identità stessa della comunità di questo borgo di storia e antiche e radicate tradizioni dell’entroterra delle Marche», spiegano i tre imprenditori.

Progetto
Si tratta Costruire, seguendone ogni fase dalla progettazione alla realizzazione, una scuola sicura per i ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado. «Pieve Torina – specificano i promotori del progetto – è sede dell’Istituto Comprensivo di numerosi comuni limitrofi. Il progetto esecutivo, che è in fase di redazione definitiva, è elaborato con il qualificato e generoso impegno professionale dello studio di Nazareno Petrini e Raffaele Solustri di Serra de’ Conti. La nuova scuola è stata concepita come una struttura ‘definitiva’, totalmente finanziata con liberali donazioni di soggetti privati e le limitate risorse dell’amministrazione comunale di Pieve Torina. Si vuole realizzare una struttura bella, funzionale, sicura, sostenibile, con tecnologie costruttive avanzate e materiali ecologici che ospiterà circa 100 ragazzi dei comuni del comprensorio, una palestra comune, aule didattiche, un laboratorio informatico, un’area verde e gli uffici amministrativi del distretto scolastico. Tutte le figure professionali coinvolte su sollecitazione dei promotori, stanno offrendo le proprie specifiche prestazioni senza scopo utilitaristico ma con significativa partecipazione solidale».

Tempi
Volontà comune è inaugurare il nuovo plesso in tempo utile per la ripresa dell’attività del nuovo anno scolastico 2017/18. Ciò impone l’avvio dei lavori in tempi rapidi avendo l’Amministrazione già provveduto a deliberare la demolizione del vecchio edificio scolastico ormai totalmente inagibile.

Risorse economiche
A oggi le risorse reperite da donazioni liberali che hanno visto la partecipazione di privati, imprese, associazioni e persino di tre comuni marchigiani non colpiti dal sisma (Senigallia, Corinaldo, Mondolfo), ammonta a oltre 170.000 euro che si aggiungeranno ad altre donazioni pervenute direttamente al Comune di Pieve Torina. I soggetti promotori hanno avviato ulteriori iniziative per la raccolta fondi che permetteranno integrazioni alla somma già ottenuta.

Per informazioni
Cristiano Boggi Referente stampa progetto ‘Succisa Virescit’ Mob. 342 5400800 Fax 071 9203009 pressoffice@contenuticreativi.it

Aggiornamenti settimanali sulla raccolta fondi:
accademidadellatacchinella.it boxmarche.it dmpconcept.it paradisi.it

Per donazioni a favore del progetto ‘Succisa Virescit’
erogazione liberale a favore di: ASSOCIAZIONE CENTRO DI SOLIDARIETÀ MARCHE SUD Onlus
IBAN: IT36L0335901600100000076164 Causale: UNA SCUOLA PER PIEVE TORINA