Una “nuova” farmacia a San Francesco

Taglio del nastro questa mattina a Jesi per la rinnovata farmacia comunale 1, alla presenza del sindaco Massimo Bacci e di Salvatore Pisconti, amministratore della società comunale JesiServizi

JESI – Taglio del nastro per la rinnovata Farmacia Comunale numero 1 di San Francesco, alla presenza del sindaco Massimo Bacci e di Salvatore Pisconti, amministratore della società comunale JesiServizi. È affidata a quest’ultima la gestione, fra le altre, delle due farmacie comunali (la numero 2 si è trasferita nel 2009 da Corso Matteotti alla più adeguata sede del quartiere Smia). L’investimento per l’ammodernamento del punto di viale Verdi si è aggirato intorno ai 140 mila euro. «Una vera e propria riqualificazione- ha detto il sindaco Massimo Bacci- ringrazio JesiServizi che l’ha effettuata e anche per avere voluto qui presenti, per questo momento, i tanti che in questa farmacia lavorano o negli anni hanno lavorato».

Al taglio del nastro c’erano anche, oltre al personale attuali, ex farmaciste e dipendenti in servizio a San Francesco. Spiega Pisconti: «Si è trattato di un radicale intervento di adeguamento alle nuove esigenze del settore. Pavimenti, impiantistica, interni, tutto il volto dei locali è stato rimesso a nuovo. Il mio ringraziamento va alle colleghe che, superando gli inevitabili disagi, hanno permesso col loro impegno di effettuare i lavori senza mai interrompere o sospendere, di fatto, l’attività della farmacia, che è sempre rimasta aperta».

Durante il cantiere gli spazi presenti sul retro della struttura e utilizzati come magazzino sono stati adattati all’apertura al pubblico. «Abbiamo mano a mano accantonato le somme che servivano alla riorganizzazione- dice Pisconti- da qualche anno a questa parte la resa dell’attività delle due farmacie comunali è andata in crescendo». Nei primi mesi del 2015, era anche stato affidato ad un professionista l’incarico di effettuate una stima del valore delle due farmacie comunali, nell’ottica di una loro possibile futura vendita. Ipotesi poi rientrata.