Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Cena a sorpresa per medici e infermieri di Torrette: «Grazie per il vostro spirito di sacrificio»

Gli agenti della Polizia Penitenziaria delle carceri di Montacuto e Barcaglione di Ancona hanno organizzato una raccolta fondi per regalare pizze ai professionisti della salute e una pergamena come ringraziamento per il super lavoro che stanno facendo in questi giorni a causa del coronavirus

Gli agenti di Polizia Penitenziaria e gli operatori sanitari davanti al vecchio ingresso dell'ospedale di Torrette

ANCONA – «Siete la luce che guida i vostri pazienti verso la guarigione». Recita così la pergamena donata in segno di ringraziamento agli operatori sanitari dei reparti Covid degli Ospedali Riuniti di Ancona, in prima linea nell’emergenza coronavirus, consegnata ieri sera durante “un blitz a sorpresa” nel quale li hanno omaggiati della cena di Pasqua. Protagonisti del generoso gesto, gli agenti della Polizia Penitenziaria delle carceri di Montacuto e Barcaglione di Ancona.

Oltre alla cena a base di pizza, gli agenti di Polizia Penitenziaria hanno donato al personale sanitario una pergamena di ringraziamento nella quale hanno sottolineato il lavoro senza sosta di medici e infermieri alle prese con un virus terribile che nelle Marche ha già ucciso oltre 700 persone. «State compiendo un atto di vero altruismo ed eroismo» scrivono nella missiva, «grazie per la vostra sensibilità, grazie per il vostro spirito di sacrificio, grazie per il vostro coraggio, grazie per la speranza che riuscite a darci».

Gli agenti di Polizia Penitenziaria insieme agli infermieri di Torrette

Un gesto di solidarietà del tutto inaspettato che ha commosso gli operatori sanitari rinchiusi nei reparti Covid dell’ospedale dove i giorni sembrano tutti uguali. «La sorpresa di Pasqua non sta solo dentro l’uovo, ma anche nelle iniziative benefiche che arrivano a sorpresa come questa» ha dichiarato il direttore generale degli Ospedali Riunti di Ancona Michele Caporossi.

La polizia penitenziaria protagonista del gesto

«Sappiamo che significa lavorare in condizioni di stress e abbiamo scelto apposta questo giorno di festa per fare una sorpresa agli operatori sanitari – commenta l’assistente di Polizia Penitenziaria Riccardo Casciato che ha organizzato la raccolta fondi per l’acquisto della cena – . Erano emozionati, non se l’aspettavano e per noi è stato bellissimo».

La pergamena donata agli operatori sanitari