Tenta di sottrarre la pistola alla guardia giurata, caos all’Inps

Momenti di tensione alla sede di Macerata dove un 53enne ha litigato con un impiegato e poi si è sfogato con il personale di vigilanza dell'istituto. La situazione risolta solo con l'arrivo della volante

Un'auto della polizia
Un'auto della polizia

MACERATA – Momenti di tensione questa mattina, 14 ottobre, nella sede dell’Inps di via Alighieri. Un uomo ha tentato di impossessarsi della pistola di una guardia giurata in servizio di vigilanza e solo grazie al personale e all’intervento degli agenti della volante si è evitato una scena potenzialmente molto pericolosa come poi accaduto nella questura di Trieste ma come evidenzia anche l’aggressione a Pesaro dello scorso settembre.

L’episodio è avvenuto intorno alle ore 9, quando è stata segnalata la presenza di un individuo che stava dando in escandescenze e che aveva tentato di sottrarre la pistola al personale di vigilanza in servizio nella sede maceratese dell’Inps. Tutto era iniziato quando l’uomo aveva iniziato a litigare con un impiegato il quale, per sicurezza, aveva chiamato la guardia giurata al fine di farlo uscire dall’ufficio. Questi però non si era calmato ma, anzi, ha perso il controllo e ha iniziato una colluttazione, terminata solo quando, all’arrivo degli agenti, è stato bloccato nel corridoio antistante gli sportelli aperti al pubblico.

Il protagonista dell’episodio è un 53enne di Macerata che, oltre ad aver colpito la guardia giurata e a tentare di impossessarsi dell’arma, ha minacciato di morte anche i presenti. Già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti, non è nuovo a tali atti: lo scorso agosto si era comportato nella stessa maniera, negli stessi uffici, contro la stessa guardia a cui aveva procurato lesioni a una mano con una bottiglia.

Anche stavolta è stato ammanettato e ristretto agli arresti domiciliari nella propria abitazione di Macerata, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.