Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Tamponi Covid a Jesi, impennata di iscrizioni sul canale Whatsapp del Comune

Sfondata quota 12 mila utenti a seguito dell'annuncio dello screening di massa al palazzetto. Non mancano gli aneddoti: qualcuno, ogni tanto, sbaglia destinatario

Jesi Whatsapp

JESI – Almeno cinquanta nuove iscrizioni sul canale Whatsapp del Comune. Appena l’amministrazione ha comunicato lo screening di massa per verificare i contagi Covid, che si svolgerà nelle giornate del 16, 17 e 18 gennaio al palazzetto dello sport, svariate persone hanno chiesto di poter essere inserite fra i destinatari dei messaggi via chat sulla nota App di messaggistica istantanea. Sfondata quota 12 mila utenti, un “bacino” fra i più elevati in Italia in rapporto alla popolazione.

Presentato in occasione delle fiere di San Settimio 2015, il servizio si sta rivelando molto utile nel fornire informazioni in occasioni di particolari criticità, dal maltempo alle modifiche alla circolazione, fino appunto all’emergenza Covid. I messaggi vengono inviati in modalità broadcast, quindi nessun utente può vedere i contatti altrui garantendo la privacy. Servono circa due ore per raggiungere tutti gli smartphone in cui il servizio è attivo.

Naturalmente, c’è chi si sbaglia e invia al numero comunale messaggi, foto e video destinati ad altri. Di aneddoti ve ne sarebbero centinaia, considerata appunto la mole di cittadini che ne usufruisce. C’è la signora anziana che ringrazia ogni volta che riceve l’informazione, oltre a quelli – tanti per la verità – che lamentano asfalti dissestati, marciapiedi in condizioni pietose, sporcizia nei parchi, o illeciti di altri cittadini.

Gli adetti comunali che gestiscono il numero Whatsapp hanno persino ricevuto estratti conto, documentazione di lavoro, foto dei nipotini, filmati familiari e, in una occasione, anche un video vietato ai minori di 18 anni. Il suggerimento è sempre il medesimo: verificate bene il destinatario prima di cliccare “invio”.

Sono quasi duemila, invece, gli utenti di Telegram e più di diecimila le persone che hanno scaricato Municipium. Una capacità di “penetrazione” notevole, da sommare ai numeri totalizzati dalla pagina Facebook istituzionale del Municipio. Praticamente, ogni famiglia è in grado di sapere in tempo reale quali sono gli eventi della settimana, di conoscere le allerte meteo, di prepararsi a eventuali disservizi, o lavori pubblici, etc. Un supporto ormai indispensabile.