Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Sicurezza e viabilità: tutti i progetti in partenza nel 2020 a Offagna

Continueranno a pesare ancora per anni sul bilancio del Comune gli effetti negativi del dissesto economico ma di fatto il borgo ne è uscito e adesso guarda al futuro con nuovi programmi

Il municipio di Offagna
Il municipio di Offagna

OFFAGNA – Continueranno a pesare ancora per anni sul bilancio del Comune di Offagna gli effetti negativi del dissesto economico ma di fatto il borgo ne è uscito e adesso guarda al futuro con nuovi progetti. «La questione della sicurezza ha costituito un punto centrale della nostra azione amministrativa con la messa a norma delle strutture pubbliche (scuole, impianti sportivi e musei e biblioteca), il rinnovo delle certificazioni per la prevenzione incendi e l’istituzione della Commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo – dice il sindaco Ezio Capitani -. Contiamo di poter redigere un progetto modulare per l’istallazione di telecamere di sorveglianza, ottenere l’autorizzazione da parte della Prefettura e accedere ad eventuali contribuzioni statali».

Per quanto riguarda la viabilità, grazie a un contributo statale è stata effettuata la manutenzione straordinaria della pavimentazione del centro storico che però è ancora da completare come quella esterna con diversi interventi di emergenza e l’istituzione di un apposito gruppo di lavoro per un programma di sistemazione e di regolamentazione di medio periodo. «In un recente Consiglio comunale è stato approvato il rinnovo del Piano di Protezione civile. Entro i primi mesi dell’anno provvederemo alla sua divulgazione e alla rivitalizzazione del gruppo comunale con l’ingresso di nuovi volontari in grado di garantire una reale capacità di intervento in eventuali situazioni di emergenza – continua Capitani -. Entro il 2020 contiamo di concludere un accordo per un progetto di sistemazione strutturale della rete elettrica pubblica, per la quale abbiamo già finanziato alcuni interventi puntuali grazie al contributo statale in parte utilizzato anche per la messa in sicurezza dell’impianto elettrico della Rocca».