Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Club scherma Montignano Marzocca Senigallia senza sede, l’incontro in municipio

Esiste un progetto ma mancano le risorse per realizzare un palascherma nella frazione a sud della città. Intanto alcune proposte per aiutare l'asd e i giovani nella pratica sportiva

L'incontro in Comune tra l'amministrazione di Senigallia e i vertici federali e locali della scherma
L'incontro in Comune tra l'amministrazione di Senigallia e i vertici federali e locali della scherma

SENIGALLIA – Che la mancanza di una struttura adeguata possa penalizzare una società sportiva lo si immagina senza bisogno di grandi doti intellettuali. Che non vi sia spazio tra le strutture a “servizio” delle numerose asd cittadine per il club scherma Montignano Marzocca Senigallia già è più difficile da pensare. Ma è per questo che sono giunti a colloquio con il sindaco il presidente nazionale della Federazione Italiana Scherma Giorgio Scarso, il consigliere federale Valentina Vezzali e altri vertici dello sport locale.

L’incontro si è svolto venerdì 26 ottobre in municipio dove i rappresentanti federali della scherma italiana hanno incontrato l’amministrazione comunale di Senigallia.

Alla riunione hanno preso parte – oltre al sindaco Maurizio Mangialardi, al presidente Fis Giorgio Scarso e alla campionessa Valentina Vezzali – il presidente C.O.N.I. Marche Fabio Luna, il vicesindaco di Senigallia Maurizio Memè, il presidente comitato Marche F.I.S. Stefano Angelelli, l’assessore comunale Enzo Monachesi, il dirigente comunale Gianni Roccato, il consigliere delegato allo sport Lorenzo Beccaceci, il presidente del club scherma Montignano Marzocca Senigallia Francesco Santarelli e l’Ingegnere Alessandro Campodonico.

Tante persone attorno allo stesso tavolo per parlare nelle necessità del club schermistico locale, molto attivo a livello di partecipazione alle competizioni, ma anche sotto l’aspetto organizzativo: su tutti gli eventi, si ricordino le due tappe del campionato regionale (individuale e a squadre) Under 14, tenutisi a marzo e novembre 2017 al palasport di via Capanna.

Attività che sono valse al club prestigiosi riconoscimenti nazionali: lo “Scudo d’Onore in Bronzo” della Federazione Italiana Scherma nel 2016, la “Stella di Bronzo al Merito Sportivo” del CONI nel 2015 e i “Diplomi al Merito Sportivo” assegnati nel 2009 e nel 2001 dallo stesso Comitato Olimpico Nazionale.

Il problema principale è rappresentato dalla mancanza di una sede adeguata in cui tirare di scherma e fioretto: per anni infatti gli allievi del sodalizio Montignano-Marzocca-Senigallia si sono allenati sotto i locali dello stadio comunale BIanchelli poi in altre strutture rimediate qua e là, anche in altre località della regione. Una situazione non più sostenibile se si pensa che il club è stato fondato nel 1989 e che l’anno prossimo ricorrerà il trentennale della sua nascita.

Il progetto della nuova palestra per la scherma che sorgerà a Marzocca di Senigallia
Il progetto della nuova palestra per la scherma che sorgerà a Marzocca di Senigallia

Di una vera struttura e palestra che potrebbe divenire la sede del club scherma Montignano Marzocca Senigallia c’è però già un progetto: è stato presentato lo scorso febbraio. Si tratta di un palascherma che dovrebbe sorgere nella frazione di Marzocca di Senigallia ma le difficoltà a reperire le risorse sono molteplici tanto da essere ricorsi a iniziative di crowdfunding con un conto corrente apposito.

Durante la riunione, promossa dal consiglio direttivo del club verdenero, sono emerse anche proposte migliorative sulle infrastrutture sportive presenti in città, in modo da far accrescere le possibilità per tutti coloro – normodotati e disabili per cui non esistono ancora strutture che consentano la pratica sportiva – che si affacciano a questa disciplina.

Dopo aver raccolto le informazioni sulla situazione, il presidente Scarso ha espresso la sua soddisfazione per l’esito dell’incontro e ha auspicato che le istituzioni locali perseguano gli impegni assunti nei confronti del club nell’interesse primario dei giovani e della scherma senigalliese.