Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Tragedia sull’Arceviese: una strada pericolosa, tanti gli incidenti e le patenti ritirate

La strada provinciale 360 è da tempo teatro di numerosi sinistri, investimenti come quello avvenuto stanotte nei pressi della discoteca Megà. Un residente: «È la strada della morte»

Il luogo dove è avvenuto l'incidente mortale lungo la provinciale Arceviese a Senigallia
Il luogo dove è avvenuto l'incidente mortale lungo la provinciale Arceviese a Senigallia

SENIGALLIA – Non è la prima volta che lungo la provinciale 360 “Arceviese” avvengono incidenti così gravi. Anzi, si ripetono con una certa frequenza, complici le dimensioni ristrette della sede stradale, la velocità con cui molti automobilisti la percorrono e l’abuso di alcol.

È una ex strada statale che attraversa i comuni marchigiani da Senigallia ad Arcevia per congiungerli con la provincia di Perugia: una bretella importante per il collegamento viario tra l’Umbria e le Marche. Ma come tante strade in tutta Italia, la carreggiata è stretta e in diversi punti è scarsamente o per nulla illuminata.

Sonia Farris

Proprio su questo fatto si sono concentrate in passato le lamentele dei residenti che hanno più volte segnalato la pericolosità della strada alle autorità, in quanto non c’è nemmeno lo spazio per il transito dei pedoni. «Questa è la strada della morte – ha spiegato un abitante della zona – già altre volte sono state investite delle persone. Il guardrail è stato posizionato troppo vicino alla strada» indicando anche il punto dove sono state investite Elisa e Sonia, le due giovani fanesi travolte e uccise stanotte da un conducente ubriaco.

Elisa Rondina

Nella discoteca Megà di Senigallia era stata organizzata una festa in occasione del ponte dell’epifania. «A mezzanotte mi sono accorto che le auto parcheggiate erano molte, così come erano tantissimi i pedoni che camminavano a bordo strada per raggiungere la discoteca, mai visti così tanti nei circa 40 anni che è aperta. Mi ero detto: speriamo che non succeda niente».

Appena due mesi fa erano state ritirate tre patenti per guida in stato di ebbrezza, quasi nello stesso punto dell’incidente di oggi.