Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Santa Maria Nuova si rifà l’impianto di illuminazione pubblica

Realizzato da DEA e Astea Energia, con un project financing, dispone di 690 punti luce e consente risparmi energetici e di emissioni di Co2 importanti per la comunità

Santa Maria Nuova
Santa Maria Nuova, la nuova illuminazione

SANTA MARIA NUOVA – È stato completato il nuovo impianto di illuminazione pubblica al 100% a led del comune di Santa Maria Nuova, che dispone di 690 punti luce e consente risparmi importanti per la comunità. Si tratta di un primo project financing che DEA/Astea Energia ha portato a termine con l’amministrazione comunale della durata di 12 anni e che consentirà un risparmio energetico complessivo stimato in 1.750.000 kWh e un risparmio di emissioni di Co2 di 1.3000.000 kg sempre sullo stesso periodo.

«Il nostro comune non aveva a disposizione mezzi per investire sul rinnovamento delle reti – dice il sindaco Alfredo Cesarini – ed il project finance per rifare l’illuminazione pubblica è stata una scelta che è giunta al momento giusto. Tant’è che l’amministrazione ha intrapreso la stessa decisione anche nel rinnovo degli impianti di riscaldamento. Devo dire che ora Santa Maria Nuove usufruisce di un impianto unico che mette in evidenza il Municipio a diversi km di distanza. Chiederemo ad Astea Energia e DEA la possibilità di illuminare anche nuove parti del centro storico».

Queste le dichiarazioni di Giacomo Mancini, responsabile tecnico DEA Elettrica, la società che ha condotto il progetto tecnico: «Sicuramente l’impianto pubblico era ormai datato e la nuova illuminazione permetterà risparmi economici importanti e soprattutto offre opportunità tecniche che con il precedente impianto non era possibile. Con il nuovo impianto siamo in grado di regolare la potenza delle lampade in base alle esigenze della cittadinanza, al traffico veicolare e altri parametri».

«Astea Energia – ha detto il direttore di Astea, Luciano Castiglione – con la formula del project financing consente ai comuni che non hanno fondi, di rinnovare gli impianti a costo zero e di realizzare forti risparmi sull’energia a medio e lungo termine. Per noi questa è una scelta di sostenibilità ambientale per realizzare risparmi sui consumi a favore delle comunità locali».

Grazie a questi impianti è quindi possibile anche “dosare” le luci ed i colori, rispettando la colorazione dei centri marchigiani che sono esteticamente caratterizzati, rispettandone le costruzioni nel loro colore originale. Inoltre possono essere illuminati anche aree, piazze e strade con illuminazioni ad hoc.

Exit mobile version