Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Sanità, stipendi più ricchi da ottobre per il personale dell’Area Vasta 1

Buste paga più pesanti per i mesi di ottobre e novembre. Ancora da quantificare la cosiddetta "premialità COVID". A partire da giugno sono state già riconosciute al personale le indennità dovute per malattie infettive

Premi per il personale dell'Area Vasta 1
Premi per il personale dell'Area Vasta 1


FANO – Li abbiamo chiamati eroi durante i mesi più duri dell’emergenza pandemica. Nonostante le critiche, anche aspre, che spesso i cittadini muovono al sistema sanitario locale, i più spesso lodano l’operato di coloro che, in prima linea, si battono per prendersi cura dei malati.

Ora arriva anche un riconoscimento dalle istituzioni, non solo morale, ma anche pecuniario. La Direzione dell’Area Vasta ha informato infatti che, dopo aver ascoltato  lo scorso 15 settembre le richieste delle Organizzazioni Sindacali e della RSU, ha deciso di «Procederà nei prossimi mesi al pagamento dei seguenti elementi premianti per il proprio personale dipendente del Comparto».

Negli stipendi di ottobre infatti verrà riconosciuto uno stato di avanzamento del 50% della performance individuale 2019, mentre per quello che riguarda i salari di novembre, verrà riconosciuto il saldo della performance individuale 2018 e il saldo delle performance organizzativa ed individuale 2019

«Nei mesi scorsi – scrive l’Area Vasta – a partire da Giugno, sono state già riconosciute al personale impegnato nelle attività COVID le indennità dovute per malattie infettive e terapie sub-intensive, nonché il pagamento delle ore di straordinario e prestazioni aggiuntive effettuate dal personale”.  Da quantificare invece ancora la  cosiddetta “premialità COVID”: “Si deve ancora addivenire ad un accordo sindacale per riconoscere un incentivo al personale che ha prestato servizio con ogni meritevole impegno nei mesi dell’emergenza COVID».