Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Salvini sostiene l’iniziativa del ristoratore Carriera #IoApro. Il sindaco di Pesaro: «Ex ministro irrispettoso»

Oltre 30 mila ristoratori pronti ad aprire a cena il 15 gennaio. Salvini: «Troppe censure». Ricci: «A Pesaro le regole si rispettano»

PESARO – Oltre 30 mila ristoratori, baristi e gestori di locali pronti ad aprire la sera del 15 gennaio sotto l’egida dello slogan #IoApro.

Il promotore è il ristoratore Umberto Carriera, già protagonista di aperture oltre gli orari che hanno visto le forze dell’ordine intervenire comminando sanzioni. Carriera ha fondato un suo movimento politico che vede l’approvazione di Vittorio Sgarbi.

Anche l’ex ministro Matteo Salvini sostiene l’iniziativa. «Nei giorni di tante e troppe censure, voglio usare la mia Pagina per dare voce all’iniziativa di Umberto Carriera, un imprenditore di Pesaro, che ha già raccolto decine di migliaia di adesioni in tutta Italia con #ioapro – spiega Salvini su Facebook -. Con norme di sicurezza anti-Covid ancora più stringenti, il 15 gennaio terranno aperti bar e ristoranti, anche per cena. Alle 18 potrete seguirmi in diretta su Instagram e qui su Facebook per una diretta doppia con gli organizzatori, che ci spiegheranno scopo e modalità della manifestazione: viva la libertà di parola».

Immediato il commento del sindaco di Pesaro Matteo Ricci: «Che un ex ministro degli Interni sostenga apertamente azioni illegali è di per sé molto grave. Che poi lo faccia in un momento come questo, in piena pandemia, è irrispettoso nei confronti di chi soffre e di tutti gli altri ristoratori in difficoltà che rispettano le leggi italiane. Le associazioni di categoria (che rappresentano albergatori, baristi e ristoratori) mi hanno chiesto di essere intransigente nei controlli di chi non rispetta le regole. Tutti vogliono sconfiggere il virus e riaprire il prima possibile. Caro Senatore Salvini a Pesaro le leggi si rispettano, e così dovrebbe essere in tutta Italia (lei dovrebbe saperlo bene). Prefetto, Questore, forze dell’ordine e polizia municipale garantiranno come sempre ordine e rispetto della legge».