Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Regionali, Acquaroli in testa negli exit poll

Secondo la rilevazione ad urne chiuse del Consorzio Opinio per la Rai, il candidato del centrodestra si piazzerebbe tra il 47 e il 51%, mentre Mangialardi non andrebbe oltre il 38%

Giorgia Meloni e Francesco Acquaroli

ANCONA – Centrodestra avanti tutta nelle Marche. Il candidato governatore di centrodestra Francesco Acquaroli è in vantaggio sull’avversario di centrosinistra Maurizio Mangialardi. È l’esito dei primi exit poll giunti alla chiusura delle urne avvenuta alle 15. Acquaroli si piazzerebbe tra il 47 e il 51%, Mangialardi fra il 34 e il 38%, mentre il candidato del Movimento 5 Stelle Gian Mario Mercorelli si fermerebbe tra il 7 e il 9%.  Roberto Mancini (Dipende da noi)  si andrebbe ad attestare tra l’1,5 e il 3,5%.

Se i risultati della rilevazione del Consorzio Opinio per la Rai dovessero essere confermati dallo spoglio delle schede, per le Marche sarebbe una svolta storica, con il centrodestra alla guida del governo regionale dopo cinquanta anni di amministrazioni di centro e centrosinistra: dal 1970 al 1995 si sono succeduti governi sotto il segno della Democrazia Cristiana e del Partito Socialista Italiano, mentre dal 1995 al 2020 le amministrazioni sono state contrassegnate dal Pds, Ulivo, Udeur e Pd.

Acquaroli è appoggiato da 6 liste: Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia – Civici per le Marche, Udc-Popolari Marche, Movimento per le Marche e Civitas-Civici per Acquaroli. Anche Mangialardi è sostenuto da 6 liste,  Pd, Marche Coraggiose, Le nostre Marche e il Centro, Mangialardi Presidente, Italia Viva-Psi-Demos-Civici Marche, Rinasci Marche. 

Per ora nessuno dei due spiranti governatori ha commentato gli esiti delle prime rilevazioni, ma intanto si sa che il candidato del centrodestra sta seguendo le prime fasi dello spoglio dalla sua abitazione di Potenza Picena, prima di raggiungere la sede del Comitato elettorale ad Ancona intorno alle 18. Anche l’avversario di centrosinistra non è ancora arrivato al quartier generale, al Grand Hotel del Passetto, dove il suo arrivo è atteso  non prima delle 19. Il pentastellato Mercorelli è invece all’Ego Hotel ad Ancona e attende di avere una copertura di almeno il 10% prima di rilasciare commenti.

Alle 15 sono iniziate le operazioni di spoglio per il Referendum, a seguire quelli per le elezioni regionali.