Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

La Provincia di Ascoli riapre i ponti di Monsampietro e Appignano. Lavori completati per 4 milioni

Il transito sulla Sp 177 di Venarotta e sulla Sp 4 Appignanese riaprirà il 23 dicembre. In corso la ricostruzione del ponte di Rubbiannelo, crollato per l'alluvione del 2013

ASCOLI PICENO – In vista delle festività natalizie buone notizie arrivano per quanto riguardo la viabilità nell’Ascolano. Importanti arterie viarie dell’entroterra collinare saranno di nuovo fruibili agli utenti con  miglioramenti in sicurezza, percorribilità e tempi di collegamento tra le diverse aree del sud delle Marche.

A cominciare da due ponti, quello di Monsampietro sulla strada provincale 177, a nord del capoluogo piceno, e quello di Appignano, nella vallata del Tronto, sulla Sp 4. Entrambi eseguiti su progetto degli uffici tecnici dell’amministrazione provinciale di Ascoli, riapriranno al transito mercoledì 23 dicembre. Il primo, quello di Cerreto-Monsampietro nel territorio di Venarotta, è stato finanziato con 263 mila con fondi del bilancio dell’ente.

La nuova struttura è realizzata in acciaio e calcestruzzo e non interferirà con il vecchio ponte in muratura sottostante. Il secondo intervento, all’altezza del km 3+455 della Provinciale Appignanese, ad est del capoluogo, è stato completato con due mesi di anticipo rispetto ai tempi previsti.

Per portarlo a termine sono stati investiti 928 mila euro, che hanno riguardato anche lavori su altre arterie del territorio. Tra questi la sistemazione del piano viario e il ripristino delle barriere di sicurezza anche sulla Sp 73 Ripaberarda e sulla Sp 191 Valle Orta.

Ponte di Monsampietro

«Da sempre strade e infrastrutture costituiscono una priorità assoluta per la Provincia di Ascoli – dichiara il presidente Sergio Fabiani – e nonostante l’emergenza Covid abbiamo lavorato molto per portare a compimento cantieri e progettualità su tutto il Piceno. Ringrazio tutti i soggetti che hanno operato in sinergia per conseguire questo risultato».

Da ricordare che nel Piceno, proprio questa settimana è stata inoltre riaperta al traffico la Provinciale 47 di Montalto Marche. I lavori sono stati eseguiti dall’Anas e hanno comportato una spesa di 3 milioni e 360 mila euro.

Ora mancano da completare gli interventi molto importanti per la ricostruzione del ponte di Rubbianello, non lontano dalla costa. La struttura sul fiume Aso crollò in seguito all’alluvione del 2013. Da allora lungaggini burocratiche e problemi tecnici ne hanno rallentato il programma di sistemazione. E questo suscitando molte proteste da parte della cittadinanza e delle imprese dei territori coinvolti, oltre che ricorrenti polemiche politiche.

Finalmente i lavori sono adesso in corso, con le opere in cemento armato dell’impalcato che sono terminate, mentre è in fase di ultimazione il rivestimento dei mattoni sugli archi. In questi giorni poi è anche iniziata la posa delle lastre cosiddette “Predal” che dovranno sostenere la soletta in calcestruzzo dell’impalcato orizzontale larga 11 metri. Tutti si augurano che non ci siano altri ritardi e che il ponte venga restituito presto ai residenti della zona, che non saranno più costretti a compiere molti chilometri in più con i loro mezzi per transitare da un lato all’altro della Valdaso.