Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Protesta “no Green pass” a Pesaro, Carriera (IoApro): «Ricci manipola gli eventi. Lo quereliamo»

Il leader del movimento a capo della manifestazione pacifica contro il Green pass spiega: «Il sindaco vuole etichettarci come no vax violenti. Vergognoso diffamarci in tv. Il dissenso fa parte della democrazia»

ll corteo

PESARO – Umberto Carriera, leader del movimento IoApro risponde al sindaco rispetto alla manifestazione sotto casa del primo cittadino. «Il movimento io apro si dissocia dalle gravi dichiarazioni del Sindaco Ricci: gravissimo manipolare gli eventi».

Tanto che il movimento annuncia la querela: «A seguito delle continue prese di posizione diffamatorie da parte del Sindaco Ricci relativamente al corteo pacifico, il movimento IoApro non ha altra via per difendersi dalle calunnie se non quello di agire per vie legali nei confronti del Sindaco. L’avvocato di riferimento sarà l’avvocato Lorenzo Nannelli».

Nella serata di ieri – 28 luglio – a Pesaro in Piazza della Libertà alle 20 si è tenuta la manifestazione pacifica del Movimento IOApro che è sceso in piazza al fianco del Comitato Salute e Diritti, con lo scopo di ribadire con forza il “no” al Green pass e alla violazione della liberà personale.

«Sempre nel corso della Serata un piccolo corteo – fa sapere il movimento IoApro – un centinaio di persone aderenti ad IOAPRO, con a capo il Leader Umberto Carriera hanno proseguito nel centro della città con cori analoghi inneggiando la libertà personale e la loro contrarietà al green pass. Purtroppo ieri su Rete 4 a Zona Bianca sono andate in onda dichiarazioni da cui il Movimento IOApro intende dissociarsi completamente. Il sindaco di Pesaro Ricci ha fatto sapere in diretta Tv di aver ricevuto notizia ed immagini dai suoi cari, mentre lui era in attesa di collegarsi in Tv: persone contrarie ai vaccini obbligatori e squadristi che si sarebbero assembrati, ha detto, nella zona in cui abita al solo scopo di intimidire lui e la propria famiglia.

Il Movimento IoApro intende far notare al Sindaco come sia gravissimo questo tentativo di manipolazione degli eventi accaduti nella serata. «La realtà dei fatti è ben diversa – ci tiene a precisare Umberto Carriera, leader del Movimento IoApro -. Immaginatevi un corteo di alcune centinaia di persone, per giunta scortate dalla polizia, che urlano per le vie della città, perché esauste degli eventi e delle restrizioni imposte dal Governo, a ripetizione due sole parole ‘Liberà e No Green Pass’. Questo stesso corteo è passato sotto le abitazioni di tantissime persone, e anche nella via in cui abita il Sindaco, lì si è fermato per 3 minuti a fare gli stessi cori indignati e poi riparte. Nessuno ha citofonato al Sindaco, lo scopo non era affatto intimorire né lui né tanto meno la sua famiglia, ma semplicemente fare arrivare a Ricci le proteste di una parte dei suoi cittadini, che pare completamente ignorare».

I manifestanti nella via del sindaco

Per Carriera è «inutile e disdicevole questo finto vittimismo del Sindaco e il desiderio di etichettarci come squadristi e No Vax violenti e pronti a tutto, la nostra manifestazione era assolutamente pacifica nei modi, la dimostrazione oggettiva è che eravamo scortati dalla polizia che non è affatto intervenuta in quei pochi minuti in cui abbiamo sostato sotto la sua abitazione. Vergognoso, direi, questo tentativo di manipolare il tutto al solo scopo di diffamarci in Tv. Fino a prova contraria il dissenso e la manifestazione pacifica dello stesso fanno ancora parte della democrazia e non sarà certo il fango, che un sindaco ha cercato di buttare addosso ai suoi stessi cittadini, a farci tacere».

Il Comitato Salute e Diritti pur dissociandosi dal corteo parallelo, di cui non era a conoscenza, ha comunque sentenziato «Di fronte ad una manifestazione vicino alla propria abitazione, il sindaco avrebbe dovuto riflettere un po’ di più, invece di fare frettolosamente un post sui social in cerca della compassione dei sostenitori ed alimentando ancora una volta la disunione e l’odio tra i cittadini, come si legge tra i commenti. Abbiamo un governo che va avanti a suon di decreti ed un sindaco che lo appoggia in tutto e per tutto.

Il nostro Comitato, che conta più di mille iscritti, ha recentemente scritto una mail al sindaco in cui esprimeva dubbi, perplessità e domande sulla situazione. Di certo è stata ricevuta, come mai nessuna risposta? Crediamo che la politica debba ricominciare ad ascoltare il popolo dal basso e smettere di calare ordini dall’alto». Su quest’ultimo punto Carriera, leader del Movimento IoApro, si trova in totale sintonia.