Choc a Porto San Giorgio, 16enne rischia di annegare. È in coma farmacologico

Il ragazzino residente a Loreto stava gareggiando in apnea con un amico quando non è riemerso. È accaduto intorno davanti allo Chalet Windsurf. Immediati i soccorsi. A prestare i primi soccorsi il bagnino e un'istruttrice di nuoto vicina di ombrellone

L'eliambulanza Icaro 1 e Icaro 2 per il servizio di elisoccorso 118 nella Regione Marche
L'eliambulanza Icaro 1 e Icaro 2 per il servizio di elisoccorso 118 nella Regione Marche

PORTO SAN GIORGIO – È in coma farmacologico e in prognosi riservata il ragazzino 16enne che ieri, 11 agosto, ha rischiato di annegare a Porto San Giorgio. L’adolescente, residente a Loreto, stava facendo il bagno insieme a un amico quando improvvisamente non è riemerso. È accaduto intorno alle 13 nello specchio di mare antistante allo Chalet Windsurf di Porto San Giorgio, sul Lungomare Nord nei pressi della Pinetina.

I due amici si stavano cronometrando mentre gareggiavano a chi riusciva a fare l’apnea più lunga, ma il 16enne è rimasto sott’acqua. Sotto choc familiari e amici. Immediati i soccorsi prestati da una istruttrice di nuoto vicina di ombrellone dei familiari del ragazzino e dal bagnino del Salvamento. Sul posto è arrivata la Croce Azzurra di Porto San Giorgio e l’eliambulanza degli Ospedali Riuniti di Ancona.

Il 16enne è stato trasferito in condizioni critiche all’Ospedale Murri di Fermo, dove si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione in prognosi riservata. Il ragazzo non sembra aver riportato danni neurologici in seguito all’apnea.