Centro Pagina - cronaca e attualità

Attualità

Porto Recanati, iniziati i tamponi a tappeto all’Hotel House. Il sindaco: «Ottima collaborazione»

Arrivati anche i risultati del progetto portato avanti dall'amministrazione comunale per avere una mappatura dettagliata di tutti gli abitanti dello stabile: sono oltre 450 le residenze cancellate rispetto a due anni fa

La prima giornata di tamponi all'Hotel House

PORTO RECANATI – «Effettuati 250 tamponi all’Hotel House di Porto Recanati in questa prima giornata di test»; a comunicarlo il sindaco Roberto Mozzicafreddo.

«La situazione è immutata, son quattro i positivi all’Hotel House e 8 invece le persone in isolamento in città per essere rientrate da paesi fuori area Schengen – ha detto il primo cittadino -. Nella mattinata sono stati fatti 169 tamponi ad altrettanti cittadini dell’Hotel House, il cui esito si avrà nei prossimi giorni. I tamponi, che sono stati eseguiti fino alle 17:45 del pomeriggio e che continueranno anche nei giorni a venire, sono stati complessivamente 250. La situazione è assolutamente tranquilla e la collaborazione registrata è ottima. Altri tamponi sono stati effettuati privatamente anche da alcune aziende del luogo per i loro dipendenti; hanno dato tutti esito negativo».

LEGGI ANCHE: Porto Recanati, casi positivi all’Hotel House: tamponi a tappeto su tutti i residenti

Nel frattempo sono arrivati gli esiti del progetto concluso a fine maggio dall’amministrazione comunale di Porto Recanati che aveva come obiettivo quello di fare una mappatura dettagliata di tutto lo stabile per avere la situazione sotto controllo a livello numerico di abitanti: sono oltre 450 le residenze cancellate nel palazzone multietnico rispetto a due anni fa.

«L’obiettivo era quello di migliorare l’Hotel House e per questo motivo abbiamo creato un tavolo di lavoro per fare un censimento preciso di tutte le residenze e permettere di avere la situazione sotto controllo su tutto – ha detto la responsabile del controllo censimento dell’Hotel House Susanna Righi –. Insieme a Unimc, Unicam, prefettura di Macerata e On The Road abbiamo lavorato a fondo per capire bene tutta la realtà e andare a cancellare le residenze che non corrispondevano al vero. Al termine del progetto possiamo dire di essere soddisfatti del lavoro svolto; attualmente vivono nell’edificio poco più di 1300 residenti».

Il comune di Porto Recanati da tempo è in campo per lavorare nella maniera migliore e contrastare anche le varie forme di irregolarità che aleggiavano spesso intorno alla struttura. «Con l’arrivo di un amministratore giudiziario, l’avvocato Soricetti, la situazione è migliorata notevolmente; dai 1800 circa residenti siamo passati a poco più di 1300 e soprattutto abbiamo cancellato quelle posizioni riferite a soggetti poco limpidi» ha concluso la Righi.